UNIVERSITA'

Mense università L’Aquila: Pietrucci (Pd) e Ranieri (M5s) incontrano una delegazione degli studenti

Nuovo incontro giovedì prossimo con i vertici dell’Adsu

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3629

L’AQUILA. Una situazione di stallo, che rischia di provocare il blocco del servizio mensa per gli studenti dell’Università dell’Aquila a partire dal prossimo gennaio e per almeno due mesi.
E’ il rischio prospettato martedì mattina ai consiglieri regionali Pierpaolo Pietrucci (Pd) e Gianluca Ranieri (M5S), da una delegazione di studenti dell’ateneo che li hanno incontrati nella Sala “Polidoro” dell’Emiciclo.
Nei giorni scorsi un gruppo di studenti si è riversato nelle strade, interrompendo simbolicamente il traffico per alcuni minuti e far sentire la propria voce.
Secondo i ragazzi sarebbe sempre più concreto il rischio di chiusura delle strutture di ristorazione dell’Adsu aquilana, in quanto l’ente non ha ancora proceduto né all’approvazione del bilancio, né all’indizione di una nuova gara per l’affidamento del servizio di ristorazione.
«Il punto – hanno evidenziato i ragazzi – è che l’Adsu, il cui Consiglio di amministrazione è in prorogatio dallo scorso maggio, non approva ancora il bilancio dell’ente. E questo impedisce di procedere al nuovo bando per l’affidamento del servizio mensa». 

Gli studenti hanno chiesto ai Consiglieri un intervento deciso, affinché si proceda in tempi brevi alla nomina dei componenti del nuovo consiglio di amministrazione dell’Adsu, così da sbloccare l’iter.
«Chiediamo – hanno aggiunto – anche che vengano ridefiniti i parametri di ripartizione dei fondi destinati al diritto allo studio, che devono tener conto della situazione diversa che l’Università dell’Aquila si trova a vivere dopo il terremoto del 2009. Per garantire la continuità didattica, infatti, l’attività è stata ubicata in sedi diverse e distanti tra loro. E questo ha portato a un inevitabile aumento dei costi, di cui oggi la normativa regionale non tiene conto. Il risultato è che il nostro ateneo ne esce fortemente penalizzato in termini di servizi agli studenti, con pesanti disagi per coloro che hanno scelto di studiare all’Aquila».
Pietrucci ha proposto di convocare un nuovo incontro per giovedì pomeriggio all’Emiciclo, a cui saranno invitati anche i vertici dell’Adsu.