SOPRALLUOGHI

Frana di Mosciano Sant’Angelo: «presto un tavolo per il monitoraggio»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1119



MOSCIANO SANT’ANGELO.  Il Presidente della Regione, Luciano D'Alfonso, nella sua veste di Commissario straordinario per la mitigazione del rischio idrogeologico, ha effettuato questa mattina un sopralluogo nell'area interessata dalla frana di Contrada Marino, nel territorio del Comune di Mosciano.
Al sopralluogo hanno partecipato tecnici della protezione civile e del servizio difesa del suolo della Regione, il consigliere regionale Riccardo Mercante, il sindaco del Comune di Mosciano, Giuliano Galiffi.
Il movimento franoso si è generato in conseguenze delle eccezionali precipitazioni del novembre 2013, causando uno smottamento a valle che ha provocato gravissime lesioni a 4 abitazioni che sono state evacuate, con la conseguente ricollocazione degli abitanti in altre strutture abitative. Il fronte di frana, come ha specificato il Sindaco di Mosciano, coinvolge anche un grande insediamento abitativo, che ospita 60 famiglie e che mostra segni di lesioni di diverse unità. Circostanza che rende urgenti lavori di consolidamento dell'intero versante collinare.
La massa in movimento risulta essere all'interno di un fronte di paleofrana, dai contorni non facilmente monitorabili, interessante il terreno sottostante per circa 20 metri.
Situazione non dissimile da diverse aree della regione dove, secondo il piano di assetto idrogeologico nazionale approvato nel 2008, esistono situazioni di grave rischio.
D'Alfonso, che ha avuto anche un incontro con una delegazione di cittadini che sono stati evacuati dalle loro abitazioni, ha chiesto alla struttura regionale una dettagliata relazione sulla situazione di pericolosità della area franosa, che indichi gli interventi che possono essere messi in campo a breve, a medio e a lungo termine.
Nel frattempo convocherà una riunione tecnica con tutti i soggetti interessati.