SERIE B

Delfino Pescara. Pasquale Marino al Vicenza: i biancazzurri risparmiano oltre 500mila euro

Se Baroni dovesse continuare a deludere ci sarebbero anche i fondi per la sostituzione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1442




PESCARA. Mancava soltanto l'ufficialità, giunta in mattinata. Dopo l'esonero di Giovanni Lopez, Pasquale Marino è il nuovo allenatore del Vicenza. L'ex tecnico di Parma, Udinese e Catania, legato ai colori biancazzurri da un onerosissimo contratto fino a giugno 2015, ha rescisso ed ha sottoscritto un biennale con i veneti.
Il risparmio per le casse abruzzesi sarà sostanzioso e dovrebbe aggirarsi intorno ai 600mila euro annui. Una buona notizia per la dirigenza del Delfino che potrebbe a questo punto destinare tale somma al fondamentale, seppur lontanissimo, mercato di gennaio. Una sorta di tesoretto da impiegare per porre rimedio alle manchevolezze soprattutto di una difesa non all'altezza per un campionato medio-alto di Serie B.
Inoltre se Baroni dovesse continuare a non convincere la piazza e la dirigenza biancazzurra con prestazioni in linea con quelle offerte con Vicenza, Carpi e Bari, ci sarebbero anche i fondi per ingaggiare un allenatore esperto e navigato per la categoria. Il tutto però dipende dal fondamentale match interno di sabato con lo Spezia. Baroni, un po' come successo al San Nicola 2 giorni fa, si gioca la propria panchina. Il Pescara è chiamato ad una prova di orgoglio e di sostanza dopo l'umiliazione interna col Carpi ed il tiro al bersaglio alla porta di Aldegani a Bari.
Il giudice sportivo ha intanto squalificato per una giornata Pesoli, espulso con il Bari dalla panchina e Grillo (diffidato, ndr) che proprio al San Nicola era rientrato dopo ben 2 giornate di squalifica.
Ieri intanto consueta seduta di allenamento al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo. Lavoro differenziato per Bunoza, Venuti e Lazzari. Non si sono allenati Zampano per un leggero attacco influenzale, Maniero per un virus intestinale e Fiorillo, che dovrà rimanere fermo per almeno una decina di giorni. Con lo Spezia in porta, come previsto, rientrerà il titolare Aresti. Oggi pomeriggio seduta a porte chiuse.
Andrea Sacchini