Basket. Proger Chieti grande grande. Espugnato 70-90 il parquet di Matera

Secondo e terzo quarto da sogno per i teatini

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2368





MATERA. La Bawer Matera all’esordio casalingo cede alla Proger Chieti con il punteggio di 70 a 90. La squadra ospite si è affidata soprattutto ai tiri di Adam Sollazzo e Jaremy Saffold, sempre molto precisi al tiro e attenti al rimbalzo. Ai biancazzurri di casa non è bastato lo statunitense playmaker Josh Greene che ha messo a segno ben 23 punti.
Bella cornice di pubblico al PalaSassi (presenti anche una trentina di sostenitori teatini), con la squadra di coach Giampaolo Di Lorenzo che parte bene, sorprendendo l’avversaria. Dopo appena un minuto di gioco il vantaggio era di sette punti (9-2) e Greene mette in mostra le sue qualità. La Proger non perde la concentrazione, vincendo i rimbalzi e mettendo a segno un break di 13 a 0 che le consente di chiudere il primo quarto in vantaggio per 26 a 20. La svolta della partita arriva nel secondo quarto, quanto Chieti infila una bella sequenza di tiri da tre con Cardillo e Saffold, mentre Bonessio e compagni non sempre sono attenti in difesa e precisi al tiro. Il divario sul tabellone sale ed il secondo quarto si chiude sul 40 a 57 per gli ospiti.


Nel terzo quarto Di Lorenzo prova a mettere ordine nel quintetto biancazzurro, che adesso subisce di meno, ma non riesce a capovolgere le sorti della gara. Stesso copione anche nel quarto finale: break di 6 punti favorevole per la Bawer, ma la Proger è troppo lontana.
In sala stampa, Giampaolo Di Lorenzo non cerca scuse: “Mi spiace avere perso così di fronte al pubblico del PalaSassi, soprattutto con un distacco così grande, avremmo voluto ricambiare in maniera migliore l’entusiasmo e l’affetto dei materani a questa squadra. Sappiamo che sarà una stagione dura, per questo non mi ero esaltato dopo la vittoria a Piacenza così come non mi deprimo dopo questa sconfitta. E’ una squadra giovane, che deve crescere, che deve imparare a non disunirsi nei momenti difficili. Loro avevano dei realizzatori come Sollazzo e Saffold, sapevamo che ci avrebbero messo in difficoltà. L’importante è saper reagire alle sconfitte e speriamo di migliorare già alla prossima partita”.
Il coach abruzzese, Massimo Galli, è ovviamente soddisfatto per la prestazione del suo quintetto. “Abbiamo variato molto la difesa, alternando la zona alla marcatura a uomo – spiega – e questo atteggiamento tattico ha pagato. Rispetto alla prima di campionato siamo cresciuti molto e devo fare i complimenti ai miei ragazzi”.

BAWER MATERA – PROGER CHIETI 70-90 (20-26, 40-57, 52-75)
Matera: Mirello ne, Cucco (11:33, 0/3), Greene 23 (31:59, 6/8, 2/7), Fallucca 16 (26:01, 6/8, 1/4, 4r), Caceres 2 (19:00, 1/3, 2r), Richard Jordan Smith 6 (29:57, 2/4, 11r), Baldasso 10 (28:09, 2/3, 2/8, 4r), Giarelli 2 (8:57, 1/1, 1r), Circosta 5 (18:58, 1/3, 1/3), Bonessio 6 (25:22, 2/6, 3r). All.: Di Lorenzo.
Chieti: Cardillo 13 (30:38, 2/4, 3/6, 2r), Palermo 7 (16:37, 1/3, 1/2, 5r), Di Emidio ne, Paesano 7 (14:06, 2/3, 1/3, 4r), De Angelis (13:40, 0/1 da3, 3r), Ancellotti 8 (28:59, 3/7, 0/1, 6r), Monaldi 6 (29:14m 1/1, 1/4, 5r), Di Giacomo (1:58), Saffold 22 (32:33, 4/4, 4/6, 5r), Sollazzo 27 (32:11, 12/17, 0/2, 5r). All.: Galli.
Arbitri – Belfiore, Ascione e Barillari.
Note – Titi liberi: Matera 10/14, Chieti 10/14. Tot.tiri: Matera 27/61 (6/22 da3), Chieti 35/64 (10/25 da3). Rimbalzi: Matera 25 (8 off.), Chieti 35 (11 off.). Perse-recuperate: Matera 11-5, Chieti 10-9. Fallo antisportivo a Bonessio nel 3° quarto. Cinque falli: nessuno. Assist: Matera 13 (Greene 4), Chieti: 15 (Sollazzo 5). Spettatori: 1250.