CALCIO

Under 21. Di Biagio carica i suoi: «in Slovacchia chi pensa ad una passeggiata si sbaglia»

Gli azzurrini impegnati nell'andata play-off oggi pomeriggio in trasferta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2183




SLOVACCHIA. Dalla Slovacchia alla Slovacchia. Luigi Di Biagio è tornato lì dove è iniziata la sua avventura sulla panchina della Nazionale Under 21, un cammino ricco di emozioni e colpi di scena che domani a Zlate Moravce (calcio d’inizio alle ore 17, diretta su Rai Tre – arbitro Artur Manuel Ribeiro Soares Dias) vivrà una nuova tappa fondamentale con la gara d’andata del play off europeo: “Uno strano scherzo del destino – ammette il tecnico azzurro – qui in Slovacchia ho fatto il mio esordio in nazionale da giocatore e la mia prima partita con l’Under 21 lo scorso agosto. Ricordo molto bene la gara amichevole di un anno fa (4-1 per l’Italia il risultato, ndr), soffrimmo molto nel primo tempo e, pur costruendo tanto, facemmo fatica ad imporre un buon gioco. Dovremo giocare la palla in velocità per arginare la loro aggressività, siamo pronti ad una vera e propria battaglia calcistica. La Slovacchia è un avversario a detta di molti abbordabile, io so che non sarà così”.
Nel pomeriggio la squadra sosterrà l’allenamento di rifinitura sul terreno di gioco dello stadio ‘FC ViOn’, l’impianto che ospiterà la sfida di domani. Sugli spalti ci sarà anche il direttore generale della FIGC Michele Uva, al seguito della squadra in una gara fondamentale non solo per l’accesso alla fase finale dell’Europeo, ma anche in chiave olimpica. “Chiudere il discorso all’andata è impossibile – avverte Di Biagio – però la volontà è di vincere la partita. La mia preoccupazione più grande è che i ragazzi possano pensare che abbiamo risolto tutti i problemi, l’errore più grande di noi italiani è quello di pensare che siamo più bravi degli altri”.

Guai a sottovalutare un avversario di tutto rispetto, capace di vincere il proprio girone davanti all’Olanda: “Se pensiamo che questa partita è una passeggiata, come sento dire dall’esterno, evidentemente non si è capito il valore della Slovacchia, non si è capito che tipo di partita ci aspetta domani. Ripeto, se non entreremo con la testa giusta nella prima mezz’ora non riusciremo ad uscire dalla nostra area di rigore perché loro non ti lasciano respirare”. Dopo il forfait di Romagnoli e con Antei lontano dalla condizione ottimale, dalla Nazionale maggiore è arrivato Daniele Rugani: “Abbiamo chiesto un supporto ad Antonio (Conte, ndr) e in maniera molto collaborativa ci è venuto incontro perché sa quello che ci stiamo giocando e il problema che avevamo. Ringrazio pubblicamente Antonio perché il ritorno di Rugani è per noi fondamentale e se avessi avuto Antei pronto e abile non gli avrei mai chiesto Daniele. La collaborazione tra noi allenatori è totale e questa è una dimostrazione dei fatti”.

CONVOCATI PER I PLAY-OFF CON LA SLOVACCHIA
Portieri: Bardi (Chievo Verona), Cragno (Cagliari), Leali (Cesena);
Difensori: Antei (Sassuolo), Bianchetti (Empoli), Biraghi (Chievo Verona), Goldaniga (Perugia), Murru (Cagliari), Rugani (Empoli), Sabelli (Bari), Zappacosta (Atalanta);
Centrocampisti: Baselli (Atalanta), Battocchio (Virtus Entella), Benassi (Torino), Crisetig (Cagliari), Dezi (Crotone), Molina (Atalanta), Viviani (Latina);
Attaccanti: Belotti (Palermo), Berardi (Sassuolo), Bernardeschi (Fiorentina), Longo (Cagliari), Trotta (Fulham).