CALCIO

Delfino Pescara. Vittoria scaccia crisi e polemiche. Baroni: «la strada tracciata è giusta»

La vittoria di sabato con l'Entella può essere la medicina giusta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1411

PESCARA. Accolta come una liberazione dopo ben 6 gare senza acuti, finalmente la vittoria di sabato all'Adriatico con la Virtus Entella darà al Pescara dopo lungo tempo una settimana di lavoro tranquillo senza polemiche. Nonostante una prova ancora ben lontana dall'essere definita positiva (non tragga in inganno il 4-0 finale, ndr), i biancazzurri possono sorridere e guardare con meno paura alla doppia trasferta di Crotone e Vicenza. C'è ancora molto da migliorare sotto il profilo della costruzione del gioco e della solidità difensiva (con l'Entella alcuni svarioni potevano costare molto caro, ndr), ma il successo può rappresentare la medicina giusta per mettersi definitivamente alle spalle un periodo iniziale difficile ed avanzare la propria candidatura in zone di medio-alta classifica. Da questo punto di vista le trasferte di Crotone e Vicenza potrebbero rappresentare un metro di valutazione affidabile circa le reali ambizioni di questo Pescara.

«Venivamo da un periodo difficile di gestione di risultati e di uomini complici anche i tanti infortuni dell'ultimo mese» – ha raccontato il tecnico del Pescara, Marco Baroni – «e nonostante una pressione molto forte i ragazzi hanno disputato una buona gara e conquistato una bella vittoria. In poche occasioni nella mia carriera ho assistito ad un lungo periodo di buone prestazioni non accompagnate dalla vittoria. Ho chiesto alla squadra di essere equilibrata e paziente ed alla fine è arrivato il gol».
In parità numerica si era visto forse il Pescara peggiore della stagione, ma il risultato (si sa, ndr) è in grado di far dimenticare quasi tutto: «dobbiamo continuare sulla strada di un calcio propositivo ed aggressivo. Abbiamo queste caratteristiche e non possiamo farne a meno. È stata una vittoria importante che ci ha ridato 3 punti che ci son stati tolti in altre occasioni per demeriti nostri». 

A Crotone domenica prossima ai tanti infortunati si aggiungeranno coloro che verranno convocati in settimana dalle rispettive nazionali: «Zuparic l'ho già salutato e non sarà a disposizione. Cosic si è accordato fortunatamente col tecnico e resterà con noi. Boldor e Bjarnason salteranno la trasferta di Crotone. Questo periodo passerà e finalmente riusciremo a trovare un po' di serenità e continuità di lavoro. Sicuramente altri giocatori saranno pronti a dare il loro prezioso contributo».
La squadra riprenderà questo pomeriggio gli allenamenti al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo. Da valutare Melchiorri (portato comunque in panchina con la Virtus Entella, ndr), Salamon e Memushaj, che potrebbe essere aggregato alla Primavera per accumulare minuti preziosi nelle gambe in vista del suo esordio in campionato.

Andrea Sacchini