LEGA PRO

Nel weekend Teramo a caccia del poker, L'Aquila cerca ancora il primo acuto

Rossoblù in casa col San Marino. Diavolo in campo domenica con il Santarcangelo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1108





ABRUZZO. Stati d'animo (e risultati, ndr) diversi per le due abruzzesi in questo inizio di stagione di Lega Pro unica. Il Teramo è reduce da addirittura 3 vittorie consecutive (Forlì, Ancona e Gubbio, ndr) che hanno cancellato un avvio di stagione tutt'altro che esaltante tra Coppa Italia e prime 2 giornate. L'Aquila invece non ride affatto con ancora il numero 0 nella casella delle vittorie dopo un avvio di stagione incoraggiante nella Coppa Italia dei grandi. Per Pagliari sono diversi i problemi ancora da risolvere, con la squadra che non segna molto (appena 3 gol in 5 partite, ndr) e spesso incappa in amnesie difensive evitabili, vedi il cappotto subito ad Ascoli. Oltre a ciò il tecnico dei rossoblù deve ovviare a diverse assenze pesanti. Rispetto però alle prestazioni con Gubbio, Ascoli e Prato i passi in avanti sono stati piuttosto evidenti con Pontedera e Tuttocuoio. Due punti importanti conquistati in trasferta utili anche e soprattutto per il morale. Sabato sera al Fattori col San Marino però (ore 19,30) sono d'obbligo i 3 punti per tirarsi fuori da una scomoda situazione di classifica. 

«Col Tuttocuoio meritavamo qualcosa di più» – ha ammesso Pagliari – «ma purtroppo siamo mancati in fase di finalizzazione. Creiamo tante palle gol ma non riusciamo a segnare. Non facciamo diventare però questa cosa un problema, le reti arriveranno. Il San Marino? Cerchiamo davanti al nostro pubblico una vittoria che serve tantissimo».
Il Teramo invece è a caccia del poker domenica in casa del Santarcangelo. L'impegno non è proibitivo per l'undici di Vivarini che finalmente ha visto nelle ultime settimane (oltre ai risultati, ndr) i progressi dei suoi ragazzi in fatto di attenzione difensiva e produzione offensiva.
«La squadra ha dimostrato di poter reggere l'impatto fisico e mentale con 3 partite in una settimana» – ha raccontato soddisfatto proprio Vivarini – «ho visto grande voglia da parte della squadra di ottenere questi risultati. Tutti hanno dato il proprio contributo, anche chi non ha giocato. Merito al gruppo che ha voluto a tutti i costi questo bel filotto di risultati. Ora col Santarcangelo vogliamo continuare la nostra buona serie».

Andrea Sacchini