SERIE B

Virtus Lanciano. La batosta di sabato va cancellata. Mammarella: «chiediamo scusa a tutti»

Dopo l'1-5 col Frosinone c'è subito la possibilità del riscatto domani a Brescia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1293

LANCIANO. Dimenticare in fretta il disastro col Frosinone e ripartire subito alla grande. È questo l'obiettivo immediato della Virtus Lanciano che già domani sera è chiamato al riscatto sul difficile campo del Brescia, che sabato ha costretto allo 0-0 la lanciatissima Ternana. Per D'Aversa i problemi principali riguardano la tenuta difensiva e l'eventuale scoramento seguente al 5-1 di 2 giorni fa. I frentani però, che in questi anni si sono sempre contraddistinti per la grandissima voglia e volontà di reagire dopo i momenti di grande difficoltà (vedi il periodo seguente l'incredibile 4-3 di Bari di 2 stagioni fa con la salvezza poi brillantemente raggiunta dai ragazzi di Gautieri, ndr), si trovano di fronte il primo vero banco di prova della stagione.
L'imperativo è quello di reagire ed il turno infrasettimanale può essere un vantaggio per i giocatori rossoneri, come ha confermato nel post partita capitan Carlo Mammarella: «può sembrare una frase fatta ma abbiamo la possibilità di riscattarci subito col Brescia. C'è delusione perché ognuno di noi si è accorto che in campo qualcosa non andava».
«In settimana avevamo preparato la partita in maniera diversa poi da come è andata» – chiude Mammarella – «si può perdere ma non in questa maniera ed il Lanciano non merita questo. Ci scusiamo noi giocatori con il pubblico, col mister e con la società. Dal di fuori è brutto vedere questo tipo di prestazione».
Il Brescia intanto, che in casa non ha mai segnato una rete fin'ora, ha ripreso gli allenamenti già ieri nell'insolito scenario domenicale. Chi è sceso in campo col la Ternana ha svolto solo lavoro di scarico in piscina mentre per tutti gli altri lavoro più intenso. Oggi pomeriggio allenamento di rifinitura ed a seguire i convocati per la Virtus Lanciano da parte di mister Ivo Iaconi.

Andrea Sacchini