CALCIO

Lega Pro. Super Teramo d'Agosto: Torino bloccato sull'1-1

In gol Donnarumma e Nocerino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1734




RISCONE DI BRUNICO. Il Teramo non scherza e costringe all'incredibile 1-1 il Torino. Il risultato (ovviamente poco pronosticabile alla vigilia, ndr) ha rispecchiato fedelmente l'impegno profuso dai ragazzi di Vivarini che non hanno avuto alcun timore reverenziale nei confronti dei granata. Il pareggio, tra l'altro conquistato contro una squadra di Serie A, aumenta ancor più di valore perché conquistato al cospetto di una squadra sicuramente più in forma dal punto di vista fisico visto l'imminente preliminare di Europa League.
Nel primo tempo 1-1. Vantaggio degli abruzzesi per effetto del rigore che Donnarumma si procura e trasforma al 31'. Torino vicino al gol in tre occasioni con Larrondo: al 1' con un colpo di testa deviato in corner, al 10' con una deviazione sotto porta mancata per questione di centimetri e al 30' quando raccoglie nel cuore dell'area un bell'assist di Martinez, si gira ma conclude di poco alto. Al 41' pareggio di Antonio Nocerino, che sugli sviluppi di un corner risolve una mischia in area.
Non cambia il punteggio nella ripresa. Due occasioni per il Toro, entrambe con Quagliarella: al 3' con una conclusione che termina fuori non di molto e al 33' con un tiro che però il portiere del Teramo è bravo a respingere. Biancorossi molto bravi nel chiudere ogni varco e nel ripartire con una certa pericolosità e convinzione. Al triplice fischio ovvia soddisfazione degli abruzzesi, capaci di strappare uno storico 1-1 ai granata.
Formazione iniziale del Teramo (4-4-2): Narduzzo, Scipioni, Brugaletta, Perrotta, Masullo; Petrella, Lulli, Cenciarelli, Di Paolantonio; Donnarumma, Lapadula. All.: Vivarini. A disp.: Zummo, Garofalo, Mancini, Caratelli, Maresca, Fiore, Bucchi, Casolla, D’Egidio, Pigini.
Ok che il calcio d'estate conta fino ad un certo punto ma un risultato così prestigioso può soltanto avere effetti benefici sugli abruzzesi, attesi da un difficilissimo torneo di Lega Pro.
Andrea Sacchini