SERIE B

Virtus Lanciano. Mister D'Aversa non fa proclami: «ripetersi? È la cosa più difficile»

Il mister rossonero “si fida” del mercato: «prima gli uomini poi i calciatori»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2269







LANCIANO. Giorno di presentazione e dichiarazioni per il neo-tecnico dei frentani Roberto D'Aversa, che dopo l'ufficializzazione della partecipazione al supercorso allenatori di Coverciano ha potuto finalmente firmare il contratto che legherà alla Virtus Lanciano per 3 stagioni.
L'ex giocatore tra le tante di Milan e Siena è la terza scommessa in altrettanti anni del sodalizio dei Maio e del Ds Luca Leone, che nelle ultime 2 stagioni ha vinto quelle di Gautieri prima (che ha tra l'altro conquistato la promozione in B, ndr) e Baroni poi, con quest'ultimo che ha addirittura sfiorato i play-off per la promozione in Serie A.
L'obiettivo dei rossoneri è quello di conquistare una salvezza più tranquilla possibile, anche perché il nuovo mister sa quanto è difficile ripetersi dopo una stagione esaltante come quella da poco conclusa: «è molto difficile far bene, soprattutto quando si viene da un periodo molto positivo. Si sa che ripetersi è sempre la cosa più difficile».
«quello che ho fatto da giocatore e da dirigente cercherò di farlo anche da allenatore» – prosegue il nuovo tecnico degli abruzzesi – «è un ruolo delicato ed a prescindere da come andranno le cose sarò sempre grato al direttore Leone ed alla proprietà Maio. Loro mi hanno dato la possibilità ed il privilegio di offrirmi questa sfida. Ho accettato perché so di poter partire da un gruppo fantastico a livello tecnico ma soprattutto umano. Riparto da loro e dall'entusiasmo dei giovani che ci sono e che arriveranno nelle prossime settimane».
D'Aversa è il terzo allenatore in 3 anni di B: «ho avuto la fortuna sia di avere Gautieri come allenatore quando ero ancora giocatore sia di osservare Baroni l'anno scorso fuori dal campo. Sono due ottimi allenatori ed hanno fatto cose grandissime qui a Lanciano. Ho cercato di imparare molto da entrambi, ma ognuno ha la sua idea di calcio».
Il Lanciano ha nel proprio dna il 4-3-3 ma è chiaro che tutto dipenderà dagli uomini a disposizione a fine mercato: «ad oggi più che parlare di modulo bisogna puntualizzare l'atteggiamento che dovrà avere la mia squadra: aggressivo, voglioso e determinato. I moduli poi verranno scelti anche in base al mercato che andrà fatto».
«Numericamente ora è ovvio che non siamo a posto» – chiude Roberto D'Aversa – «Mancano dei giocatori ma è meglio attendere piuttosto che commettere errori. È fondamentale scegliere prima uomini che calciatori».
Il vice di Roberto D'Aversa sarà Andrea Tarozzi mentre Ivano Tito è il preparatore atletico. Danilo Massi ed Alberto Bartoli saranno rispettivamente preparatore atletico e recupero infortuni e preparatore dei portieri.
La squadra intanto prosegue il ritiro di Roccaraso mentre a ieri sono stati venduti 809 abbonamenti. Un dato sicuramente buono a pochi giorni dall'inizio della campagna abbonamenti.

Andrea Sacchini