CALCIO

Pescara calcio. Dopo Kone sfuma anche Sepe: andrà all'Empoli. Ora si punta Di Gennaro

Terzo giorno di ritiro a Pizzoferrato. Nielsen: «abbiamo già dimenticato l'ultima stagione»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3411



PESCARA. Era tutto fatto. O almeno così sembrava ma Luigi Sepe all'ultimo momento ha declinato l'offerta del Pescara per sposare quella dell'Empoli, che evidentemente nelle ultime ore ha dato buone garanzie di titolarità all'ex estremo difensore della Virtus Lanciano. Probabilmente a nulla servirà l'ultimo tentativo di mediazione di Marco Baroni, nonostante l'accordo virtualmente raggiunto sulla base del prestito secco tra il Delfino ed il Napoli. A meno di altre sorprese dunque (con la stessa formula, ndr) Sepe giocherà in altri lidi, proprio come il centrocampista Kone che dopo un lungo corteggiamento ha scelto il biancoverde dell'Avellino. Si riaprono dunque le trattative per i giovani portieri Andrea Tozzo (classe 1992 negli ultimi sei mesi in prestito al Latina ma di proprietà della Sampdoria, ndr) e Raffaele Di Gennaro, reduce da un campionato estremamente positivo tra le fila del Cittadella. L'interista (classe 1993, ndr) è il preferito del duo Repetto-Pavone e gode di alto gradimento da parte del neo-tecnico biancazzurro.
Per il resto è attesa ad ore l'ufficializzazione di Emanuele Pesoli mentre si dovrà ancora attendere per il vice-Brugman, che per infortunio resterà ai box almeno fino ad ottobre.
Terzo giorno di ritiro intanto ieri per i biancazzurri a Pizzoferrato. Lavoro mattutino diviso tra potenziamento fisico a carico naturale e tattica con la palla divisa per reparti. Nel pomeriggio altro allenamento sempre al campo di Pizzoferrato, poi lavoro di potenziamento muscolare in piscina.
«Non ricordo più l'anno scorso, abbiamo già ricominciato ed abbiamo tutte le intenzioni di lasciare il passato alle spalle» – ha dichiarato dal ritiro il danese Matti Lund Nielsen – «non ci siamo posti un obiettivo preciso, vogliamo fare il meglio possibile. Quello che conta in questo momento è sudare sul campo e farci trovare pronti per l'inizio del campionato».
«La B non è mai un campionato facile» – chiude Nielsen – «abbiamo qualità ed un mister molto bravo che mi ha fatto una buona impressione. Dobbiamo fare del nostro meglio per riscattare l'ultima stagione negativa».
Oggi quarto giorno di ritiro a Pizzoferrato.

Andrea Sacchini