GIUUNTA REGIONALE

Abruzzo, aiuti di stato e infrastrutture i primi provvedimenti della giunta D’Alfonso

Martedì la prossima riunione del Consiglio regionale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4246





ABRUZZO. Aggiornamento del prezzario regionale delle opere edili, zonizzazione sulla compatibilità degli aiuti di Stato e priorità delle infrastrutture strategiche della regione.
Sono le tre linee di intervento su cui ha deliberato ieri la giunta regionale.
«Un ragionamento animato dalla cultura della programmazione - ha commentato il presidente Luciano D'Alfonso - che ci ha portato innanzitutto all'aggiornamento del prezzario con una modalità che si basa su un elenco del tutto innovativo nella sua codifica e nel sistema di adeguamento. Un elemento fondamentale per la qualità della democrazia economica e per la qualità della spesa, sia che si tratti di soggetto pubblico sia di soggetto privato. Vengono così stabiliti quelli che sono i costi standardizzati per ogni voce minima di realizzazione».
Dunque, non un mero atto "rituale" ma uno strumento tra i primi redatti fra le Regioni italiane, definito nel rispetto della normativa nascendo da analisi analitiche dei prezzi e, pertanto, aggiornabile per voci di costo. Il risultato è stato conseguito con una larga partecipazione delle parti sociali (dei lavoratori, datoriali, ordini professionali e tecnici degli Enti Locali).
Un'altra delibera ha riguardato, invece, le candidature delle aree territoriali per gli aiuti a finalità regionale. «Su questo punto - ha aggiunto D'Alfonso - abbiamo lavorato molto anche a livello nazionale con i vertici politici e tecnici del Ministero dell'Economia. Teniamo conto delle aree di sofferenza e di quelle che sono oggetto di importanti investimenti produttivi».
Infine, le priorità delle infrastrutture strategiche della regione. «Per la prima volta - ha proseguito il presidente - il provvedimento è assunto in seduta di organo collegiale ma lo porteremo anche in consiglio regionale per elevare il profilo della capacità programmatoria per quanto riguarda gli investimenti infrastrutturali per gomma, ferro e per le modalità di mobilità attraverso l'acqua. Abbiamo fatto scelte di campo molto nette. Innanzitutto la realizzazione funzionante della Fondo Valle Sangro come opera prioritaria di significato nazionale. Poi ci sono altri interventi come la direttrice Amatrice, L'Aquila -Navelli-Bussi sul Tirino, l'accesso pescarese a Gran Sasso e Maiella, quarto lotto della Teramo-Mare, variante agli abitati serviti dalla SS 16 ed infine, importanti assi di penetrazione all'interno dei giacimenti turistici di grande significato».

MARTEDI’ PROSSIMA SEDUTA DEL CONSIGLIO
Intanto il Consiglio regionale è stato convocato dal presidente Giuseppe Di Pangrazio per martedì 15 luglio all’Emiciclo. All’ordine del giorno la discussione sul programma di governo illustrato dal presidente della Regione Luciano D’Alfonso nel corso della seduta di insediamento.
La Conferenza dei Capigruppo, su proposta del Presidente Di Pangrazio, ha concordato sull’opportunità di far intervenire, oltre ai Capigruppo, i Consiglieri regionali che vorranno farlo.
L’Assemblea sarà poi chiamata a esaminare e votare l’istituzione di una Commissione speciale per le modifiche alla legge elettorale e per l'attuazione e le modifiche allo Statuto.
«Primo passo per procedere alla revisione della legge elettorale regionale – spiega il Presidente Di Pangrazio – che come tutti sappiamo, ha presentato evidenti problemi di applicazione e interpretazione nelle elezioni regionali del 25 maggio scorso. Al momento dell’insediamento, la maggioranza di centrosinistra aveva assicurato che uno dei primi atti di questa Legislatura sarebbe stato proprio la modifica della legge elettorale, per introdurre i necessari correttivi che evitino per il futuro il ripetersi di quanto accaduto in questa consultazione».