LE HA SUONATE

Nascimbene, colletta del M5S salva il premio abruzzese. Mascitti: «abbandonato da tutti»

Il direttore artistico fece arrestare De Fanis

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3308


PESCARA. Riparte, grazie ad una raccolta fondi del Movimento 5 Stelle, il premio abruzzese dedicato a musiche da film 'Mario Nascimbene Award". Ideatore e direttore artistico del premio, che si era bloccato prima della fase finale, è Andrea Mascitti, cioè la persona che aveva fornito agli investigatori la registrazione audio che poi ha portato all'arresto dell'ex assessore regionale alla Cultura, Luigi De Fanis, per corruzione.
Nel file audio in questione, Mascitti presenta a De Fanis il preventivo per il premio, ma l'assessore chiede di gonfiare i costi, sottolineando che «questo è quello che deve venire a me...».
Secondo l'accusa, infatti, De Fanis avrebbe chiesto tangenti per l'organizzazione del Nascimbene e per un evento al Salone del Libro di Torino. L'appuntamento con il premio - giovedì sera, al Teatro Circus di Pescara - è stato presentato nel corso di una conferenza stampa, nel capoluogo adriatico, davanti al palazzo del Consiglio regionale, nello stesso punto in cui De Fanis avrebbe consegnato una busta con un assegno al direttore artistico. Presenti, oltre a Mascitti, diversi esponenti del M5s, tra cui la neo consigliera comunale pescarese Enrica Sabatini.

«Rifarei anche mille volte quello che ho fatto, con tutte le sofferenze che ho subito, perché senza lavoro sono stato malissimo - ha detto Mascitti - Credo fermamente nell'onestà e nella legalità; non dobbiamo lasciarci trascinare da richieste mafiose. De Fanis in tv aveva detto che la manifestazione non era mai partita, ma non è vero ed oggi c'è la conclusione di un progetto avviato da tempo. E' triste - ha aggiunto - il silenzio assoluto delle istituzioni. Avevo chiesto aiuto anche al presidente Gianni Chiodi, ma non ho avuto risposta. Non ho mai trovato una spiegazione, sono spariti tutti».
«Abbiamo promosso una raccolta fondi sul nostro sito ed organizzato un evento di autofinanziamento per contribuire a questo evento, di cui siamo davvero orgogliosi», ha concluso Sabatini. «Chiediamo agli abruzzesi di non piegarsi alla mala politica» spiega Gianluca Vacca «e di tutelare un patrimonio culturale regionale come il premio, ma soprattutto dare un segnale forte. Il sistema ha paura del senso civico di Mascitti, non ha interesse a tutelare la meritocrazia. Mascitti è quell'esempio positivo di cui hanno terrore».