SERIE B

Virtus Lanciano. Baroni al passo d'addio. La società vaglia diverse alternative

Stuzzica l'idea D'Aversa. Difficili ma non impossibili Toscano e Foscarini

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2950




LANCIANO. Il dopo Baroni è ormai iniziato. Dopo i toni decisi della conferenza stampa avuta la settimana scorsa dall'oramai ex tecnico della Virtus Lanciano, in questi giorni il Ds Luca Leone e la priorietà Maio cercheranno di giocarsi l'ultima disperata carta per convicere l'ex mister della Primavera di Siena e Juventus a restare. Difficile che il tentativo andrà in porto e quindi in casa frentana già si pensa al piano B. Al momento tante le idee ma di concreto c'è ben poco. L'identikit tracciato dalla società e da Leone è sempre il solito: allenatore possibilmente giovane che sappia coniugare alla perfezione le 2 anime del gruppo: esperienza e gioventù. Motivazione ed entusiasmo ovviamente non dovranno mancare ma il nuovo tecnico rappresenterà una linea di congiunzione chiara con le gestioni Gautieri e Baroni.
Stuzzica l'idea Roberto D'Aversa, legato ai colori rossoneri per altri 2 anni di contratto. L'attuale responsabile dell'area tecnica conosce alla perfezione l'ambiente frentano e dopo aver lavorato a stretto contatto con Gautieri e Baroni potrebbe seguirne le orme. D'Aversa però non ha ancora il patentino di primo livello e dovrebbe essere affiancato in panchina da un allenatore “esperto”. Un problema non di poco conto che potrebbe minare le sue chance di allenare la Virtus almeno la prossima stagione. Difficile (ma non impossibile, ndr) arrivare a Toscano o Foscarini. Il primo è reduce da una stagione poco felice alla Ternana, condita con l'esonero. Il mister del Cittadella dei miracoli invece vedrebbe di buon occhio una nuova avventura fuori dai confini veneti.
Probabilmente non sarà questa la settimana decisiva per sciogliere le riserve sul nuovo tecnico, ma entro una decina di giorni tutti i pezzi del puzzle potrebbero essere ricomposti.
Nessuna novità per quanto riguarda il mercato in uscita. Si attenderà la metà di giugno per definire tutte le comproprietà in essere e stilare le strategie in vista del mercato estivo.
Andrea Sacchini