SERIE B

Virtus Lanciano-Baroni. Quasi ufficiale il divorzio: «serve un nuovo condottiero...»

Il tecnico saluta dopo un anno indimenticabile. Ora caccia al sostituto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1629





LANCIANO. Che qualcosa non andasse per il verso giusto lo si era capito nell'immediato post partita del Biondi col Cittadella. Marco Baroni nell'attesa conferenza stampa di ieri pomeriggio ha sciolto le riserve ed ha annunciato, dopo un solo anno di matrimonio col club frentano, il divorzio quasi ufficiale dai colori rossoneri. Fino all'ultimo la proprietà Maio, che tenterà nei prossimi giorni l'ultima disperata carta, ha cercato di far cambiare idea al tecnico, che nell'ultimo incontro ha ribadito la propria ferma volontà di cambiare aria nonostante un contratto in essere fino al giugno 2015.
«Ho esternato alla società le mie perplessità sul continuare l'avventura mia a Lanciano» – ha raccontato emozionato ma convinto l'allenatore dei frentani, Marco Baroni – «in questi mesi ho conosciuto lo spirito Virtus e credo che la squadra e la società abbiano bisogno di un nuovo condottiero, capace di dare tutto. Non sento più dentro quel fuoco e quella determinazione che mi avevano spinto ad accettare la sfida di Lanciano».
«Ringrazio e ringrazierò per sempre società e tifosi» – ha chiuso Baroni – «ma non sono convinto di poter continuare. Questa squadra può fare più del nono posto di quest'anno, ma non credo di essere io l'uomo giusto...».


A questo punto l'addio scontato di Baroni potrebbe scatenare un effetto domino importante sulle panchine di Serie B, con il tecnico toscano che finirà sicuramente nelle mire di alcuni tra i club più blasonati della cadetteria.
Il Lanciano? Come successo 12 mesi fa con Gautieri (per molti versi l'addio giunto al termine di una stagione positiva è molto simile, ndr), il sodalizio frentano ha già dato piena dimostrazione di poter fare a meno del proprio allenatore. Forte di una conoscenza del calcio approfondita nonostante la breve esperienza e con le spalle ben coperte da una famiglia, quella Maio, che fa della progettualità (mai il passo più lungo della gamba, ndr) il suo punto di forza, spetterà in prima persona al Ds Luca Leone il difficile compito di selezionare figure in grado di non far rimpiangere Marco Baroni. L'identikit è presto fatto, con un tecnico giovane, affamato ed ambizioso che sappia creare il giusto mix tra esperienza e giovani talenti. Un profilo assolutamente in linea con quello che sono stati a Lanciano Gautieri prima e Baroni poi.
Andrea Sacchini