SERIE B

Pescara Calcio. Squadra fragile psicologicamente e spenta fisicamente: medicina difficile

Cosmi quasi rassegnato a fine gara: la squadra è questa ed ha dato tutto

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1816





PESCARA. Evidenti limiti tecnici e soprattutto caratteriali. A fine gara l'analisi di Serse Cosmi è stata chiara quanto impietosa sul Pescara di quest'anno, o quantomeno dell'ultimo periodo: «più di questo la squadra non può fare ed ha dato tutto. Che questo sia tanto o poco lascio giudicare agli altri...».
Il tecnico umbro ha fatto intendere chiaramente che l'attuale gruppo di giocatori, nel bene o nel male, in assenza di elementi capaci nei vari reparti di fare la differenza come accade in squadre ben più avanti in classifica è impossibile pretendere di più. Senza leader e giocatori di grandissime qualità tecniche (Ragusa e Brugman dove siete? Ndr) il gioco è normale che sfoci in prevedibili lanci lunghi per la punta centrale di turno, costretta a spizzare palloni a destra e a manca per l'inserimento mal riuscito degli esterni.
Nonostante una classifica che ai punti ancora non condanna il Pescara ad un anonimo campionato di metà classifica, dimensione forse meritata per quanto fatto vedere fin'ora al di là dei tantissimi e gravissimi torti arbitrali subiti, la realtà è sotto gli occhi di tutti: anche il Cittadella, onesta squadra di Serie B, ha messo a nudo tutte le difficoltà di una squadra che va in perenne affanno al primo accenno di pressing ed aumento del ritmo. L'intensità, sufficiente nel primo tempo, cala paurosamente e drasticamente nella ripresa e la mancanza di idee e costrutto a centrocampo finisce sempre per confondersi con mancanza di forza ed ossigeno. Segno forse inequivocabile che la squadra, allestita male in estate e laddove sia possibile peggiorata in inverno, è fragile psicologicamente e spenta fisicamente.
Dopo la delusione Cittadella la squadra tornerà ad allenarsi questo pomeriggio il vista del match del giovedì santo a Terni. L'auspicio del tecnico Serse Cosmi è quello di ritrovare una parvenza di solidità e tenuta atletica per uscire indenni da una trasferta sulla carta molto difficile. Gli umbri fin'ora hanno raccolto meno di quanto meritato e vivacchiano nella seconda metà della classifica. Tornerà dalla squalifica Mascara mentre per lo stesso motivo osserverà un turno di riposo forzato l'ex Maniero.
Andrea Sacchini