Lega Pro. Dopo la festa il Teramo non è sazio: superato 2-1 in trasferta il Castel Rigone

Fiore e Gaeta onorano il campionato: Teramo nuova capolista

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1223





CASTEL RIGONE. Il Teramo anche se non bisognoso di punti non guarda in faccia a nessuno e regola con merito 2-1 in trasferta il Castel Rigone. Nel primo tempo vantaggio degli ospiti al quarto con Fiore e pareggio immediato 4 minuti più tardi di Tranchitella. Nella ripresa al terzo il sigillo definitivo di Gaeta.
Prestazione di grande carattere e professionalità degli abruzzesi, che dopo la festa per la matematica promozione celebrata domenica scorsa in campo hanno dato tutto onorando il campionato e giocando una gara agonisticamente valida. Il tutto a cospetto di un Castel Rigone che era assetato di punti salvezza per agganciare la zona play-out.
Al terzo minuto subito il vantaggio del Teramo. Ottimo spunto di Fiore che da fuori area insacca alle spalle di Zucconi. Passano quattro minuti e subito arriva il pareggio del Castel Rigone: sugli sviluppi di un calcio di punizione respinto da Narduzzo, Tranchitella da due passi realizza.
Al 17esimo ottimo intervento di Narduzzo su tentativo di Coresi. Risposta degli abruzzesi al 28esimo con una conclusione da fuori di poco imprecisa di Di Paolantonio.
Prima del riposo ci prova senza fortuna anche Casolla: palla a lato.
Nella ripresa al terzo il nuovo vantaggio del Teramo. Prima Casolla prende in pieno la traversa, poi sulla ribattuta Gaeta non sbaglia in pallonetto a scavalcare il portiere. Al quarto d'ora decisivo Narduzzo su conclusione ravvicinata di Bianco. Ancora Castel Rigone pericoloso al 20esimo con un tiro di poco alto di Coresi.
Al 25esimo Speranza da 2 passi manda alle ortiche la chance del tris a tu per tu con Zucconi.
Nel finale qualche buona chance da una parte e dall'altra ma il risultato non cambierà.
Con questa vittoria, la quindicesima stagionale, il Teramo è salito a quota 54 in classifica al primo posto in compagnia di Cosenza e Casertana.
Possibile che in questo finale di stagione mister Vivarini impieghi tutti quegli elementi fin'ora poco utilizzati in campionato. Già in casa del Castel Rigone è stato impiegato il secondo portiere Narduzzo, che si è disimpegnato egregiametne con alcuni interventi decisivi a salvare il risultato. Il diavolo però in questo finale di stagione dovrà fare di tutto per mantenersi nelle prime 4 posizioni della classifica per guadagnarsi l'accesso alla Coppa Italia 2014/2015. Proprio in quest'ottica una vittoria al Bonolis contro il Messina dopo la sosta pasquale significherebbe Tim Cup matematica.

TABELLINO
CASTEL RIGONE (4-4-2): Zucconi; Santarelli, Moracci (22'st Liurni), Cangi, Luoni; Ubaldi, Montanari, Coresi, Bianco; Tranchitella, Agostinelli (41'st Scappini). A disposizione: Franzese, Bonaiuti, Petterini, Mattelli, Redi. Allenatore: Fusi.
TERAMO (4-2-3-1): Narduzzo; Scipioni, Caidi, Speranza, Masullo; Lulli, Cenciarelli; Fiore, Gaeta (32'st Patierno), Di Paolantonio (42'st D'Egidio); Casolla (15'st Dimas). A disposizione: Serraiocco, Montecchia, Arcuri, Biondo. Allenatore: Vivarini.
ARBITRO: Rocca della sezione di Vibo Valentia. Guardalinee: Benedettino e De Meo.
NOTE: Ammoniti: Caidi, Coresi, Moracci, Lulli, Santarelli.
Andrea Sacchini