FESTA TERAMO. L'Arzanese vince 2-1 ma non rovina la festa: Diavolo promosso in C1

Tante occasioni sprecate ma contano poco: Teramo nell'ex C1 ad otto anni di distanza

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2073






TERAMO. Al triplice fischio conta poco il risultato (2-1 per l'Arzanese, ndr): il Teramo è matematicamente promosso nella Lega Pro unica che dal prossimo anno rappresenterà il terzo livello del calcio professionistico italiano dopo la Serie A e B.
Sfortuna e mille palle gol sciupate dagli abruzzesi, che al termine di 90 minuti incredibili concedono l'intera posta in palio ai campani ma festeggiano davanti a quasi 2mila spettatori l'ammissione matematica al prossimo campionato di Lega Pro unico. Una soddisfazione meritata nel torneo più difficile della storia di questa categoria (ben 8 retrocessioni su 18, ndr) ma soprattutto grandissima perché i colori biancorossi mancavano nell'ex C1 dalla stagione 2006/2007, culminata con la retrocessione in Serie C2.
Pronti via e subito al terzo l'Arzanese colpisce a freddo il diavolo. Cross col contagiri di Ventre da sinistra per l'accorrente Sandomenico che supera Serraiocco. La reazione del Teramo non è veemente ma al 32esimo il pari è servito. Serie di rimpalli e pallone decisivo per Di Paolantonio che solo davanti a Fiory non sbaglia. Prima del riposo ancora il centrocampista teramano vicino al 2-1 con una conclusione di poco alta su bell'assist di Dimas.
Nella ripresa tante occasioni per il Teramo con Casolla e Bucchi, ma al 23esimo è l'Arzanese a passare a sorpresa in vantaggio. Suggerimento nel mezzo di Ausiello per Umberto Improta che da buona posizione fa secco Serraiocco. Il Teramo ci prova ma non ha fatto i conti con la giornata sfortunata dei propri attaccanti e con quella di grazia di Fiory che dopo essersi opposto da campione a Di Paolantonio e Bucchi, all'88esimo neutralizza anche un calcio di rigore dello stesso centravanti biancorosso.
Poi al triplice fischio la festa è per tutti, per l'Arzanese (in inferiorità numerica l'ultimo quarto d'ora, ndr) che torna a sperare in una salvezza molto difficile e per un Teramo che torna nell'ex C1 ad otto anni di distanza.

TABELLINO
TERAMO (4-2-3-1): Serraiocco; Giannetti, Caidi, Speranza, Masullo; Lulli, Cenciarelli; Fiore (36'st Biondo), Casolla (36'st Patierno), Di Paolantonio; Dimas (15'st Bucchi). A disposizione: Narduzzo, Scipioni, Gregorio, Arcuri. Allenatore: Vivarini.
ARZANESE (4-3-3): Fiory; Pacini, Caso, Patti (41'pt Polverino), Palumbo; Ricci, Giannusa (17'st Ausiello), Castellano; Sandomenico, Perna, Ventre (16'st Improta). A disposizione: Sollo, Monaco, C. Improta, Figliolia. Allenatore: Marra.
ARBITRO: Vesprini della sezione di Macerata.
NOTE: Presenti sugli spalti circa 1.700 spettatori. Ammoniti: Dimas, Caidi. Espulso: Caso al 32'st.
Andrea Sacchini