SERIE B

Pescara Calcio. Domani a Brescia sfida tra deluse. Cosmi: «impossibile un pronostico»

Solita emergenza in difesa: «siamo molto sfortunati. Brescia? Organico forte»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2654






PESCARA. Mai scontato e banale, il pre-gara di Serse Cosmi è sempre ricco di spunti interessanti che vanno al di là della semplice gara in programma. Domani pomeriggio il Pescara farà visita ad un Brescia sprofondato nella seconda metà della classifica ed estremamente motivato ad incamerare punti preziosi per la propria classifica. Anche il tecnico umbro vuole ripartire dopo il mezzo passo falso inatteso di sabato con la Reggina. È la classica sfida tra deluse, che ad inizio campionato mai avrebbero potuto immaginare una stagione tanto avara di soddisfazioni: «non dobbiamo ricominciare da capo, però è chiaro che il pareggio con la Reggina ha creato rammarico. Sapevo che 3 impegni in una settimana erano molto difficili a livello mentale e fisico ed andavano interpretati in diversa maniera. Ora però non voglio fare calcoli, che vanno fatti all'ultima giornata. Bisogna andare avanti e capire gli errori commessi, che non vanno assolutamente ripetuti».
Da registrare ancora tante cose: «dobbiamo migliorare nelle fasi di gestione della partita. All'interno della gara non ci sono soltanto disposizioni tattiche, ma tante altre cose come la squadra avversaria, un arbitro, un palo o un'occasione da gol. Da questo punto di vista non siamo ancora vincenti e dobbiamo interpretare molto meglio alcune situazioni. Altro aspetto è l'attenzione e non è una questione di personalità».
Di fronte ci sarà un Brescia in piena crisi di identità e soprattutto risultati, che nonostante il cambio tecnico da Bergodi a Iaconi è reduce da ben 4 sconfitte ed una vittoria nelle ultime 5 gare: «conosco il valore del Brescia che è alto. A luglio ci si attendeva un campionato diverso da questa squadra, ma io faccio riferimento ai soli valori oggettivi. Come organico è tra i 5 migliori di questa categoria».

«Non è una sfida da deluse» – prosegue il tecnico del Pescara – «io non sono affatto deluso e non lo sono mai stato dal primo giorno. C'è tanto da lavorare ma le condizioni di far bene ci sono tutte. Non ho fatto veri e propri progetti perché manca il tempo, ma ho comunque fissato nella mia testa degli step. Sono moderatamente soddisfatto e lo sarei uguale anche con qualche punto in più. Essere troppo soddisfatti rappresenta l'anticamera della delusione».
Arduo azzardare un pronostico per domani: «è una partita di difficile previsione. Nessuno dei 2 immagina quello che potrà essere. Anche dalla loro parte credo sia la stessa cosa. Nel Brescia non c'è solo Caracciolo, ma tanti giocatori brasiliani di grandi qualità ed altri italiani di grandissima esperienza».
Cosmi è tra l'altro un grande ex della contesa avendo allenato le rondinelle nel 2007 e 2008: «per me è una partita come tutte le altre. Sono stato qui e bene, però è passato tanto tempo. Ora voglio fare una partita in maniera tale che si pensi molto poco al passato. Al di là di ritrovare amici, è passato troppo tempo».
Il tecnico umbro per l'ennesimo sabato dovrà fare i conti con l'emergenza totale soprattutto in difesa: «purtroppo in questo momento non siamo fortunati. Avrei preferito scegliere in base alle condizioni fisiche, invece soprattutto nel reparto difensivo e negli esterni siamo assolutamente carenti a livello numerico. Purtroppo noi stiamo soffrendo in più reparti».
Andrea Sacchini