VERSO IL VOTO

Elezioni Europee, Paolo Angelini (M5s) il candidato abruzzese che conosce 11 lingue

Scelto con 185 voti, 32 anni di Giulianova

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

11165





ABRUZZO. E’ Paolo Angelini, 32 anni di Giulianova, uno dei candidati alle elezioni europee per il Movimento 5 Stelle.

Ieri Angelini è stato scelto dagli attivisti del blog di Grillo e l’ha spuntata con 185 preferenze. A convincere il suo curriculum importante. «Sono un attivista della prima ora del gruppo locale del Movimento 5 Stelle di Giulianova», si è presentato così, «mi sono laureato con lode in Scienze politiche presso l'università di Teramo nel luglio 2005 e nel gennaio 2010, ho conseguito un dottorato di ricerca presso la facoltà di giurisprudenza nell'università di Teramo in Storia del diritto, a ottobre 2010 una laurea specialistica in storia presso l' università d'Annunzio Chieti-Pescara».

Da Settembre 2011 vive e lavora a Leuven in Belgio (27 Km da Bruxelles), dove è professore-assistente di Diritto romano. Da Settembre 2012 è anche docente di Storia del diritto medievale e moderno alla Facoltà di Economia dell'Università "G. d'Annunzio" Chieti-Pescara, oltre ad essere docente di Istituzioni di diritto romano e di Storia del diritto medievale e moderno all'Università Telematica Leonardo da Vinci.
Undici le lingue (italiano compreso, ovviamente) che conosce, come scrive sul suo curriculum: «Inglese, Francese: scritto/orale - fluente; Tedesco: scritto - buono; orale - discreto; Russo: scritto/orale - discreto; Serbo-croato: scritto - buono; Spagnolo: scritto - buono; Bulgaro: scritto - grammatica base; Latino: ottimo; Greco antico: buono; Paleoslavo: buono».

«Grazie mille a tutti per la fiducia», ha commentato Angelini una volta appreso il risultato. «In tanti forse non mi conoscono perché vivo a Leuven, in Belgio da quasi tre anni (anche se per tre mesi torno in Italia ad insegnare a Pescara). Sono attivista da quando è nato il mio gruppo, ossia il 21 aprile 2012, il giorno prima della festa di Giulianova 22 aprile, in piazza, dopo qualche birra. Mi sono dedicato esclusivamente al mio gruppo, di cui sono addetto stampa e membro del gruppo bilancio. Ho partecipato a poche assemblee regionali - tre in totale credo - proprio perché non vivo in Italia. Potete sempre chiedere ai miei compagni di viaggio di Giulianova, saranno loro a farvi fare una idea su di me. Avremo occasione di conoscerci». E poi la precisazione finale: «l'unica garanzia che posso darvi è che me ne sono dovuto andare dall'Italia per continuare a fare ricerca».
Il deputato Andrea Colletti sulla pagina Facebook ha criticato il modus operandi di questa votazione (alla vigilia del voto): «la maggior parte dei candidati non ha nemmeno inserito un breve curriculum o lettera d'intenti. Ho visto moltissimi nomi di perfetti sconosciuti che forse non si sono avvicinati nemmeno ad un banchetto. Ho visto nomi che potrebbero ben figurare in Forza Italia e PD per dirittura morale ed etica e per attaccamento ai valori del Movimento. Ricordo che il M5S non è solo candidarsi, vuol dire operare concretamente e comunitariamente al cambiamento di questa politica e di questa società».
Ma alcuni candidati hanno raccontato di problemi al server del sito dove bisognava inserire i dati e per problemi tecnici i curricula sarebbero scomparsi o tagliati.