IL RAP LE SUONA

Crisi Montesilvano: la caduta di Di Mattia diventa una canzone rap

«L'avete accoltellato ed ora ne pagate le conseguenze»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6428





MONTESILVANO. «Manovrati da poteri occulti che qui ci sguazzavano, i traditori si sono riuniti come i carbonari, tra prosecchi e dolci, sfogliatelle e prosciutti e poi insieme andavano ed alle spalle lo accoltellavano».
É uno dei passaggi del brano 'Non è un reato essere onesto con la gente' del rapper Bayeshan, che ripercorre tutte le tappe dello 'strappo' ai danni dell'ex sindaco di Montesilvano, Attilio Di Mattia. Dal giorno delle dimissioni, quando 13 consiglieri hanno sottoscritto il documento di sfiducia in uno studio notarile di piazza Salotto, a Pescara, fino all'episodio che ha visto protagonista il padre dell'ex sindaco, che ha trovato un coltello da cucina nella guarnizione del finestrino dell'automobile.
«Anche se ci vado cauto - recita in tal senso il brano - non vorrei trovare anch'io qualche coltello conficcato nell'auto».
Il rapper, lo stesso che in occasione delle precedenti elezioni aveva realizzato l'inno per la campagna elettorale di Di Mattia, si sofferma anche su quanto fatto dall'ex sindaco. «Colpevole sì di aver fatto scelte coraggiose - canta Bayeshan - mentre quegli altri lì pensavano ad un rendiconto personale in cambio di rose come donnine, in pose nelle ultime pagine sezione incontri di un quotidiano locale». 

«L'avete accoltellato ed ora ne pagate le conseguenze - recita ancora il brano, scritto e cantato dal rapper e musicato e mixato dal produttore Daze -. La verità farà molto male, più delle lame che l'hanno colpito alle spalle 'alla infame'. Del resto si attaccano ad ogni pretesto, associano il nome di Attilio solo ai 'box del sesso', ma Attilio non è questo, Attilio è innovazione e futuro».
«Più che brano - spiega Bayeshan - lo definerei un freestyle di sensazioni. A differenza del primo brano, questo non mi è stato commissionato, ma è una mia iniziativa ed è venuto spontaneamente alla luce dopo un brevissimo travaglio. Sono rimasto talmente amareggiato e deluso per questa storia che ho voluto, tramite poche parole, far sentire a chi ha subito ingiustizie ed ha sempre lavorato onestamente per il bene della comunità che gli siamo vicini e continueremo a sostenerlo».
Intanto prosegue l'operazione verità lanciata dall'ex sindaco all'indomani dello 'strappo' dei 13: prossimo appuntamento domenica mattina con una biciclettata che partirà dall'ex colonia Stella Maris e che toccherà diversi punti della città, «simboli delle battaglie - spiega Di Mattia - che l'amministrazione stava portando avanti e che, a causa delle dimissioni, non è riuscita a terminare».