SERIE B

Pescara Calcio. Cosmi sfida il Palermo senza rivincite sul passato: «non roviniamo la partita»

Si va verso la conferma del 3-4-2-1 di La Spezia: gara ideale per confermarsi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1761


PESCARA. Col Palermo non è una gara come tutte le altre. Non può esserlo per la squadra, reduce da 3 risultati utili consecutivi e di fronte la ghiotta occasione di dare ulteriore continuità con la corazzata del campionato, né tanto meno per Serse Cosmi, ex col dente avvelenato dopo l'esonero del marzo 2011.
«È passato tanto tempo da quando ho allenato il Palermo. È stata un'esperienza troppo breve per essere ricordato. Ora sono a Pescara e felice di essere qui e di affrontare una squadra che sta facendo il campionato previsto» – ha raccontato nella conferenza stampa della vigilia il tecnico del Pescara, focalizzando poi l'attenzione sul proprio rapporto con il patron Maurizio Zamparini – «non ho nessuna voglia di rivincita sul Palermo. Non ci siamo lasciati benissimo con il presidente, però non voglio rivangare il passato prima di una partita così bella. A Palermo ho ricevuto molto più di quello che ho dato e Zamparini con me è l'unico che ci ha rimesso economicamente».
Le attenzioni però devono essere dirottate tutte sul campo: «è una squadra costruita per essere promossa in Serie A ed è superfluo sottolineare che ha giocatori di grande qualità ed esperienza. Già in estate era forte, poi dopo gennaio è stata ulteriormente rinforzata. Giocano un calcio brutto? Il Palermo aveva bisogno di un allenatore che rivitalizzasse l'ambiente e quest'anno la città vuole solo la Serie A. La capacità di un allenatore e di una squadra è quella di credere in se stessi attraverso i risultati. Ultimamente giocano un buon calcio dopo aver fatto fatica per parecchie settimane forse a causa della pressione del risultato a tutti i costi».
«Se mi avessero chiesto oggi quale squadra affrontare per capire dove può arrivare questo Pescara avrei risposto il Palermo» – prosegue Cosmi – «è una gara perfetta per migliorare o per coltivare certe ambizioni. È un test difficile per capire a che punto siamo. Cercheremo di ottenere il massimo ma il pareggio non sarebbe certo da buttare se il Palermo si dimostrasse più forte, come successo ad Avellino. Fondamentale in questo momento è non perdere».
Serse Cosmi ha convocato i portieri Belardi, Pelizzoli e Svedkauskas; i difensori Balzano, Bocchetti, Rossi, Salviato, Schiavi, Zauri e Zuparic; i centrocampisti Bovo, Brugman, Fornito, Nielsen e Rizzo; gli attaccanti Caprari, Cutolo, Maniero, Mascara, Politano, Ragusa e Sforzini.

QUI PALERMO. IACHINI AVVERTE IL PALERMO: «CI ASPETTA UN AMBIENTE CALDO»
«È una settimana molto importante per noi con 3 partite molto difficili e ravvicinate» – ha raccontato in conferenza stampa il tecnico del Palermo, Giuseppe Iachini – «iniziamo da Pescara che è la prima gara da affrontare. I biancazzurri sono una buona squadra partita con l'obiettivo di salire direttamente in Serie A. Hanno un buon allenatore preparato come Cosmi, che ha dato subito una propria impronta alla squadra facendo risultati. Ci aspetta un ambiente grande e servirà organizzazione e personalità».
Al termine dell'ultimo allenamento di rifinitura svolto a Roma, mister Iachini ha convocato i portieri Fulignati, Sorrentino e Ujkani; i difensori Andelkovic, Daprelà, Lazaar, Milanovic, Munoz, Pisano, Terzi e Vitiello; i centrocampisti Barreto, Bolzoni, Maresca, Ngoyi, Stevanovic, Troianiello, Vazquez e Verre, gli attaccanti Belotti, Dybala, Hernandez e Lafferty.
La gara verrà diretta da Riccardo Pinzani della sezione di Empoli. Guardalinee Pegorin e Raparelli. Calcio d'inizio oggi pomeriggio alle ore 15,00 allo stadio Adriatico Cornacchia di Pescara.

Andrea Sacchini