SERIE B

Pescara Calcio. Ragusa punta al Palermo: «serve continuità. Battiamo il ferro finché è caldo»

Il centrocampista avverte i siciliani: «loro forti ma proveremo a batterli»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2348








PESCARA. L'approdo in panchina di Serse Cosmi ha rivoluzionato positivamente la psiche dei giocatori e soprattutto il ruolino di marcia della squadra, passato drasticamente da sei ko di fila a 3 risultati utili consecutivi. Due vittorie ed un pareggio con 3 dirette concorrenti che hanno rilanciato le ambizioni play-off del Pescara, che ora guarda alla gara di sabato all'Adriatico col Palermo con rinnovato ottimismo. Sono tanti i giocatori che hanno giovato del cambio in panchina, ma uno in particolare sembra ancora non ingranare al meglio. Antonino Ragusa infatti, per distacco l'uomo in più dei primi sei mesi del Pescara, sta vivendo un momento particolare della propria stagione. La squadra vince e convince ma lui non è più decisivo come nella prima metà di stagione. Un po' per il nuovo ruolo, un po' per sfortuna e condizione atletica comunque in netto miglioramento, l'ex esterno della Ternana è stato definito da Cosmi già pronto per la Serie A: «i complimenti fanno sempre piacere è inutile negarlo» – ha commentato Ragusa – «io devo solo dimostrare quello che valgo e dare una mano il più possibile alla squadra. Sono giovane e c'è tutto il tempo di dimostrare in campo tutto».

Con un altro risultato utile col Palermo il Pescara potrebbe scalare ulteriormente la classifica: «Pensiamo a fare bene partita dopo partita. Ora con i risultati dalla nostra parte non vogliamo fermarci e la classifica può essere scalata. Giochiamo con la prima della classe e non sarà facile. La nostra squadra è stata costruita per vincere e noi proveremo a battere il Palermo. È una partita come le altre ma dobbiamo stare attenti. Mai calare l'attenzione e colpire sfruttando le occasioni che creeremo».

Chiaro il cambio di rotta della squadra dopo il passaggio da Marino a Cosmi: «non so cosa sia scattato ma adesso bisogna battere il ferro finché è caldo. Dobbiamo dare seguito a quanto di buono fatto nelle ultime 3 partite. L'esonero di Marino? Sappiamo che la colpa è anche nostra perché siamo noi che scendiamo in campo. I primi responsabili siamo noi e dovevamo farci un esame di coscienza».

«Quando c'è il cambio in panchina è normale che i giocatori danno qualcosa in più» – conclude l'attaccante biancazzurro – «scatta qualcosa nella mente che ti spinge a dimostrare il proprio valore».

Ieri doppia seduta di allenamento a porte chiuse per i biancazzurri al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo. Ancora fermo Cosic per tonsillite mentre Samassa, Di Francesco e Capuano hanno svolto solo lavoro differenziato e non saranno a disposizione per il match contro i siciliani. Oggi allenamento di rifinitura a porte chiuse al mattino ed a seguire consueta conferenza stampa pre-gara del tecnico Serse Cosmi.
Andrea Sacchini