SERIE B

Pescara Calcio. Con lo Spezia tridente Ragusa-Caprari-Sforzini? Infortunio per Rizzo

Verratti: ieri è nato il piccolo Tommaso

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2763





PESCARA. Ultimo allenamento ieri a porte chiuse per il Pescara e subito una brutta notizia per Serse Cosmi, che per la trasferta di La Spezia dovrà rinunciare oltre a Capuano, Balzano e Samassa anche a Rizzo, finito ko per una distorsione alla caviglia. Lo stesso infortunio due giorni fa aveva messo fuori causa Milicevic. Le buone nuove per il tecnico umbro però giungono dal rientro in gruppo di Brugman e Caprari, che insieme al ritorno dalla squalifica di Ragusa daranno velocità, qualità ed imprevedibilità alla manovra. Vista la moria di centrocampisti è scontata la conferma del centrocampo a 4 con il doppio trequartista alle spalle di Sforzini. Da valutare soltanto la posizione di Ragusa, esterno di centrocampo al posto di Rossi o dietro la punta insieme a Caprari. In quest'ultimo caso a partire dalla panchina sarebbe Politano.
Per lo Spezia invece l'allenamento di rifinitura è fissato per questa mattina ed a seguire consueta conferenza stampa pre-gara del tecnico Devis Mangia.
Dopo l'ultimo allenamento a porte chiuse al Poggio degli Ulivi di Città Sant'Angelo, la truppa biancazzurra partirà questa mattina alla volta di La Spezia. Cosmi ha convocato i portieri Belardi, Pelizzoli e Svedkauskas; i difensori Bocchetti, Cosic, Rossi, Salviato, Schiavi, Karkalis, Zauri e Zuparic; i centrocampisti Bovo, Brugman, Fornito, Nielsen, Ragusa; gli attaccanti Caprari, Cutolo, Maniero, Mascara, Politano e Sforzini.
Ieri intanto mentre il Psg giocava e passava ai quarti di finale di Champions League, è nato il primogenito di Marco Verratti, Tommaso. L'ex centrocampista del Pescara ha affidato tutta la propria gioia ad un semplice tweet: “È nato Tommaso...la gioia di mamma e papà”. Verratti non è stato convocato per il ritorno degli ottavi di finale con il Bayer Leverkusen anche per un infortunio che lo terrà lontano dai campi da gioco per un paio di settimane.
Andrea Sacchini