SERIE B

Virtus Lanciano. Nessun dramma per la sconfitta di Bari ma il problema resta il gol

I rossoneri hanno fatto soltanto 27 gol. Solo in zona play-out si è fatto peggio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1474




LANCIANO. La sconfitta di Bari non ha lasciato strascichi pesanti in casa Virtus Lanciano ma ha messo nuovamente in evidenza un problema mai risolto nel corso dei mesi. La squadra gioca bene, subisce poco ma tra sfortuna ed errori sotto porta non riesce ad andare in rete con una certa continuità. Tra le formazioni di alta classifica i rossoneri sono quelli che hanno segnato di meno (27 reti, ndr) e per trovare chi ha fatto peggio bisogna addirittura arrivare al Novara 18esimo. Per contro però i frentani hanno blindato sin dalle prime giornate la retroguardia, perforata soltanto in 23 occasioni grazie anche all'agonismo ed alla massima attenzione che predica continuamente mister Marco Baroni. L'ex tecnico della Primavera di Juventus e Siena tra l'altro dovrà rinunciare per infortunio ad Antonio Piccolo, uscito anzitempo a Bari per un problema muscolare.
Sabato al Biondi arriverà proprio il Novara che ha parecchi problemi dalla metà campo in su e non solo. I piemontesi però sono completamente rivitalizzati dopo 7 punti nelle ultime 3 partite, che hanno permesso ai biancazzurri di agganciare in classifica la zona salvezza diretta e distanziare le 4 serie candidate alla retrocessione (Reggina, Cittadella, Padova, Juve Stabia, ndr).
Ieri la Virtus ha ripreso gli allenamenti. Solo trattamenti per Piccolo, i cui esami strumentali hanno evidenziato un'elongazione al flessore della coscia destra. Da valutare nei prossimi giorni i tempi di recupero. Assente giustificato Marco Baroni, presente al primo Memorial Flavio Falzetti, calciatore morto l'11 marzo 2013 dopo aver lottato per quindici anni contro un linfoma.
La società infine, sulla buona scorta dei comportamenti dei tifosi, ha ristabilito il prezzo originario dei biglietti in Curva Sud annullando l'aumento di 1 euro deciso per qualche multa di troppo seguente al match interno col Cesena.

Andrea Sacchini