SERIE B

Virtus Lanciano. Bene il gioco ed ottimo il ritmo. Baroni sincero: «è mancata concretezza»

Sabato al Biondi c'è il Novara. Da valutare l'infortunio di Piccolo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1311




LANCIANO. Si è bruscamente interrotta la striscia positiva di risultati della Virtus Lanciano che sabato scorso è inciampata 1-0 a Bari al termine di 90 minuti incredibili. Dopo un primo tempo da padroni assoluti del San Nicola, con una miriade di palle gol create per il vantaggio, i rossoneri alla prima distrazione si sono ritrovati sotto di un gol ed incapaci con determinazione e cattiveria agonistica di ribaltare il punteggio.
In vista del proseguo del torneo dovrà tornare utile la lezione del San Nicola: oltre al bel gioco ed alle occasioni create, bisogna avere anche la necessaria lucidità nel finalizzarle per mettere in cassaforte un risultato che ai punti doveva sorridere ai frentani. Il gol però lo ha fatto il Bari, cinico e spietato al punto giusto, come ha sottolineato un affranto Marco Baroni a fine gara: «siamo venuti qui come sempre per fare la nostra partita. Abbiamo affrontato un avversario forte che nonostante il nome attraversa una grave crisi economica e societaria. Peccato per il risultato che è ingiusto, ma noi dobbiamo stare sereni e cercare di ritagliarci uno spazio importante in questa categoria».
«L'obiettivo è quello di raggiungere quanto prima la salvezza» – prosegue il tecnico della Virtus Lanciano – «poi potremo guardare a qualcosa di più grande. Giochiamo un calcio coraggioso e creativo e questo mi rende orgoglioso dei miei ragazzi. Ci manca a volte come a Bari la concretezza necessaria sotto porta per far nostra l'intera posta in palio».
A pesare sul verdetto del match anche alcune decisioni arbitrali dubbie del fischietto Gavillucci di Latina. Su tutte il gol apparso regolare poi alla moviola di Amenta: «nell'ultimo periodo non siamo molto fortunati con gli arbitri. Basti pensare che ancora abbiamo ricevuto un rigore a favore. Non è possibile che il guardalinee abbia giudicato irregolare la posizione di Amenta».
«Al di là dell'amarezza per il risultato» – chiude Baroni – «bisogna ripartire da questa buona prestazione. Mettiamo da parte la delusione e pensiamo al prossimo match di campionato».
I frentani torneranno ad allenarsi oggi in città in vista del match di sabato prossimo al Biondi contro il Novara. Da valutare attentamente le condizioni di Piccolo, uscito anzitempo a Bari per alcuni problemi muscolari. Rientrerà dalla squalifica Buchel che tornerà parte integrante della cerniera di centrocampo.
Andrea Sacchini