SERIE B

Oggi Avellino-Pescara: sfida tra “arrabbiate”. Cosmi: «io lo sono sempre di mio...»

Gara chiave per gli abruzzesi. Il tecnico umbro vara il 3-5-2?

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2954





PESCARA. Che Avellino-Pescara di questa pomeriggio fosse una gara chiave per entrambe le squadre lo si sapeva già da tempo, ma Rastelli e Cosmi, pur senza andare mai in settimana sopra le righe, a modo loro hanno acceso la vigilia. Il tecnico degli irpini, che sabato scorso hanno subito gravissimi torti arbitrali nel match perso a Varese, ha messo in guardia i suoi dai pericoli di un Pescara ferito da un inizio 2014 disastroso condito da ben 6 ko di fila. Ferito però è anche l'Avellino che cerca disperatamente il primo acuto del nuovo anno: «con il Varese ci sono stati errori gravissimi ai nostri danni. Siamo i vincitori morali di quella gara, anche se avrei preferito punti reali. La squadra ha risposto con rabbia ed affronteremo il Pescara molto arrabbiati per ciò che ci è successo».
«Cosmi è un allenatore bravo e preparato» – chiude Rastelli – «ma in campo più che i numeri saranno le motivazioni a spingere una delle due squadre alla vittoria».
Botta ed immediata risposta in conferenza stampa di Serse Cosmi, che pizzicato sull'argomento ha ribattuto per le rime: «loro sono arrabbiati per i torti arbitrali? Io lo sono sempre stato e la mia rabbia viene da 14 mesi di inattività che corrispondono a 37 torti arbitrali...».
Frase che può far sorridere ma che delinea tutto il carisma e la determinazione di una allenatore che è sempre riuscito a tirare fuori il meglio dai suoi giocatori a livello psicologico.
Una settimana di lavoro non è stata sufficiente per limare tutti quei difetti, soprattutto sulla tenuta difensiva, che sin da inizio campionato hanno attanagliato il Pescara, ma il clima nello spogliatoio sembra già diverso. Cosmi ha lavorato soprattutto sulla mente dei giocatori, trovati lunedì scorso abbattuti e quasi rassegnati ad un campionato di anonima metà classifica.
Per la prima in biancazzurro l'ex mister di Perugia e Lecce dovrebbe varare un inedito 3-5-2. Diversi i ballottaggi in essere e gli allenamenti a porte chiuse non hanno di certo favorito il lavoro dei giornalisti nell'individuare il possibile 11 titolare. Il nuovo Pescara lo si vedrà soltanto domani, ma si può ipotizzare un inedito tandem offensivo formato da Cutolo (in vantaggio su Mascara, Politano e Caprari, ndr) ed uno tra Sforzini e Maniero, con Ragusa esterno offensivo nel centrocampo a 5 completato da Bovo, Nielsen e Brugman. Scontato invece l'impiego di Salviato e del trio di difesa composto da Schiavi, Zuparic e Bocchetti vista l'emergenza totale di terzini e difensori centrali. In porta serrato testa a testa tra Belardi e Pelizzoli, con il primo favorito almeno per le prossime gare.
Cosmi ha convocato i portieri Belardi, Pelizzoli e Svedkauskas; i difensori Bocchetti, Schiavi, Salviato, Benedetti, Karkalis, Zuparic e Cosi; i centrocampisti Nielsen, Brugman, Fornito, Bovo, Rizzo e Milicevic; gli attaccanti Caprari, Politano, Maniero, Cutolo, Mascara, Sforzini e Ragusa. Out gli infortunati Zauri, Capuano, Balzano e Samassa. Non disponibile neanche Rossi, colpito da un attacco influenzale.
Tra le fila dell'Avellino Rastelli deve rinunciare nuovamente al gioiellino Zappacosta. Recuperato Castaldo che farà coppia in attacco con Galabinov. Panchina per il grande ex Romulo Eugenio Togni. Rastelli ha chiamato 24 giocatori per il match col Pescara: i portieri Terracciano e Seculin; i difensori Abero, Bittante, Decarli, De Vito, Fabbro, Izzo, Peccarisi e Pisacane; i centrocampisti Angiulli, Arini, D'Angelo, Ladrere, Massimo, Millesi, Pizza, Schiavon e Togni; gli attaccanti Biancolino, Castaldo, Ciano, Galabinov e Soncin.
La gara verrà diretta da Maurizio Ciampi della sezione di Roma 1. Guardalinee Chiocchi e Di Iorio. Calcio d'inizio oggi pomeriggio alle ore 18,00 allo stadio Partenio di Avellino.
PROBABILI FORMAZIONI
AVELLINO (3-5-2): Terracciano; Fabbro, Peccarisi, Pisacane; Bittante, D'Angelo, Arini, Schiavon, Millesi; Castaldo, Galabinov. Allenatore: Rastelli.
PESCARA (3-5-2): Belardi; Zuparic, Schiavi, Bocchetti; Salviato, Nielsen, Brugman, Bovo, Ragusa; Cutolo, Sforzini (Maniero). Allenatore: Cosmi.
ARBITRO: Ciampi della sezione di Roma 1.
Andrea Sacchini