UFO

Torino e Medellin: due avvistamenti ufo fanno parlare in tutto il mondo

Avvistamenti per diversi minuti e documentati da più filmati

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

18804




TORINO. Un oggetto di enormi dimensioni fermo nei pressi dell’aeroporto di Torino Caselle.
L’avvistamento è stato documentato con diversi scatti ed è attualmente analizzato dal Centro Ufologico Mediterraneo che ne ha diffuso la notizia.
Secondo quanto riferito all’avvistamento avrebbe partecipato anche un uomo, esperto in volo, e il fatto si sarebbe verificato lo scorso 14 febbraio 2014.
Pochi giorni dopo dall’altra parte del mondo A Medellin in Colombia diversi filmati raccontano di un oggetto forse simile che è rimasto sospeso nel cielo per diversi minuti e che è sembrato di dimensioni molto grosse. C’è chi spiega i due fenomeni con la presenza di droni ma in molti tendono ad escludere questa ipotesi mentre i filmati vengono sezionati ed analizzati con le più moderne tecnologie digitali di scomposizione dei fotogrammi.
Per l’avvistamento di Torino di parla di una direzione in cui stazionava “l’ovni” (oggetto volante non identificato) era nord-nordest, il tempo era buono e il vento era assente.
I due testimoni, incuriositi dalla persistenza di una strana luce bianca in lontananza che proprio non gli sembrava una delle tante luci del paesaggio notturno e dell’aeroporto di Torino Caselle che avevano proprio di fronte, hanno deciso prima di prendere il loro binocolo 10x e poi una volta visto meglio l’inusuale oggetto che gli appariva sospeso in aria lo hanno fotografato con diversi scatti e con due fotocamere diverse.
Le due persone sono rimaste molto impressionate perché, anche se il buio della notte non permette di calcolare bene le distanze, l’oggetto gli è sembrato di dimensioni certamente abnormi prendendo dei punti di riferimento del paesaggio.
Le indagini, analisi, riunioni, colloqui con i protagonisti proseguono a ritmi serrati e sul sito ufficiale del C.UFO.M..
Il presidente del Centro Ufologico Mediterraneo, Angelo Carannante, dice di essere molto cauto e occorre la massima prudenza in quanto «sull’avvistamento non c’è la parola definitiva».
 «In particolare tra le ipotesi convenzionali si sta cercando di capire se l’oggetto, vista la festa di San Valentino, fosse un led aquilone», dice, «è stato constatato inoltre come l’oggetto rassomigli in modo davvero notevole a quello filmato dopo solamente 3 giorni a Medellin (Colombia)».
Per l’avvistamento di Medellin questo qui sotto è uno dei filmati migliori che sembra documentare meglio l’oggetto nel cielo.