SERIE B

Pescara Calcio. Con un Bari senza soldi e risultati Marino si gioca la panchina

Pugliesi già fatali al tecnico di Marsala: nel 2011 esonerato dal Parma

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2538




PESCARA. Pasquale Marino ed il Pescara sono ormai giunti ad un bivio. Il futuro dell'ex tecnico di Udinese e Catania infatti è legato inesorabilmente alla prestazione, o meglio al risultato, del match di oggi pomeriggio al San Nicola di Bari. I biancazzurri arrivano all'appuntamento dopo cinque sconfitte consecutive, che hanno mutato la fiducia e soprattutto il gradimento della piazza nei confronti di Marino, ritenuto uno dei responsabili dell'attuale mediocre situazione di classifica. Bari inoltre non porta bene al tecnico di Marsala, già esonerato nel campionato 2010/2011 quando il suo Parma fu sconfitto 2-1 proprio dai galletti.
Con ogni probabilità si tornerà al 4-3-3 visto il recupero importante di Schiavi e Zauri a in difesa e Rossi a centrocampo. Out per squalifica Salviato e Samassa per infortunio.
Di fronte però ci sarà un Bari che se è possibile vive di problemi ben peggiori, con la sopravvivenza stessa del club a rischio ed ormai appesa ad un filo. Mister Alberti, tra mille problemi economici e societari, in settimana ha provato lo stesso a motivare i propri giocatori, per conquistare altri punti in attesa di probabili ulteriori penalizzazioni.
Sul sito ufficiale del club intanto ha parlato Alberti, che ha presentato la sfida col Pescara: «Affronteremo un Pescara che ha la stessa rabbia e voglia nostra di fare risultato. In un campionato dove spesso sono gli episodi a fare la differenza, dovremo essere bravi a giocare sui loro difetti ma, comunque, occorrerà una grande partita. Darò solo domani l’undici titolare anche perché il ritorno di Fossati e Defendi ci permette di allargare le possibilità di scelta».
Poi è tornato sulla situazione extra calcistica e sul clima di smobilitazione che certo non agevola: «giù le mani da questa squadra. Sento troppe cose in giro strumentalizzate da gente che non vuole bene al Bari. Ho scoperto da calciatore (quando giocava nel Castel di Sangro, ndr) la grande passione dei baresi. Da quando sono arrivato a Bari mi sono innamorato della città e di questa maglia. Lotterò fino alla fine contro chi non vuole bene a questi colori. La partita e la classifica sono ugualmente importanti alle questioni societarie. Le due situazioni corrono nella stessa direzione. Facciamo attenzione perché la posta in palio è alta».

CONVOCATI E TERNA ARBITRALE
Tra le fila biancazzurre mister Pasquale Marino ha convocato i portieri Belardi, Pelizzoli e Svedkauskas; i difensori Balzano, Bocchetti, Zuparic, Cosic, Rossi, Zauri e Schiavi; i centrocampisti Bovo, Brugman, Fornito, Milicevic, Nielsen, Ragusa e Rizzo; gli attaccanti Caprari, Cutolo, Maniero, Mascara, Politano e Sforzini.
Per quanto riguarda il Bari, mister Roberto Alberti ha convocato 20 giocatori: i portieri Guarna e Pena; i difensori Sabelli, Chiosa, Samnick, Zanon, Ceppitelli, Calderoni e Chiochia; i centrocampisti Romizi, Sciaudone, Lugo, Fossati, Defendi e Delvecchio; gli attaccanti Cani, Galano, Joao Silva, Lores Varela e Beltrame. Fuori dalla lista lo squalificato Polenta. La gara verrà arbitrata da Luca Pairetto della sezione di Nichelino. Guardalinee Di Vuolo e Fiorito.
Andrea Sacchini