LEGA PRO

Chieti: occasione sprecata. La matricola Arzanese strappa lo 0-0 all'Angelini

Prestazione sottotono degli abruzzesi ma aumenta l'imbattibilità di De Patre

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1860





CHIETI. Al Chieti non riesce l'en-plein nelle ultime 4 gare dell'era De Patre e dopo 3 successi consecutivi viene bloccato con un deludente 0-0 all'Angelini dall'Arzanese.
Tanta amarezza per i neroverdi che nonostante l'imbattibilità prolungata di un altro turno (ora siamo a 5, ndr), getta alle ortiche un'occasione più unica che rara di spiccare definitivamente il volo e staccare la zona play-out al cospetto di una compagine tutt'altro che irresistibile e già con più di un piede e mezzo in Serie D. Prestazione poco brillante dei teatini, che avrebbero sicuramente meritato la vittoria ma che non sono riusciti a concretizzare il grande lavoro e le occasioni avute sotto porta. A pesare sul risultato anche un vento forte e fastidioso sull'Angelini ed alcune decisioni discutibili del direttore di gara, che hanno mandato su tutte le furie mister De Patre, espulso per proteste a fine primo tempo.
Avvio di gara senza grandi sussulti con l'Arzanese abilissima a chiudere ogni varco ed inaridire sul nascere ogni velleità neroverde. La prima vera emozione è al minuto 39 ed è ad opera degli ospiti. Splendido suggerimento di Giannusa per Sandomenico che in piena area di rigore al volo non inquadra di un nulla lo specchio della porta.
Sul finale di frazione Guidone viene steso al limite dell'area di rigore senza sanzioni. Proteste neroverdi ed espulsione per il tecnico De Patre.
Nella ripresa al 12esimo la più ghiotta chance della gara. Gran botta dal limite di Della Penna, respinta corta di Sosso sui piedi di Cinque che da 2 passi centra il palo clamoroso.
Al 22esimo solare chance per l'Arzanese. Contropiede fulmineo di Sandomenico che al momento del dunque in area di rigore spara addosso al portiere teatino.
Nel finale un'occasione per parte con conclusione imprecisa di Verna per il Chieti e colpo di testa in mischia di Caso per l'Arzanese con sfera docile tra le braccia di Gallinetta, che ha ottimamente rimpiazzato tra i pali lo squalificato Robertiello.
Con questo punto il Chieti è salito a 32 punti in classifica, con una sola lunghezza di vantaggio sulla zona play-out. Domenica prossima trasferta sul terreno dell'Aversa Normanna, ottava forza del campionato.
Per il sodalizio neroverde da risolvere in settimana anche la grana stadio, con la capienza ridotta a soli mille posti in occasione del match di di ieri con l'Arzanese. Bellia e dirigenza sperano che in occasione del derby col Teramo previsto tra 2 settimane l'Angelini possa essere agibile al 100%.

TABELLINO
CHIETI (4-4-2): Gallinetta; De Giorgi, Terrenzio, Di Filippo, Turi; Rossi (10'st Verna), Della Penna, Giorgino (37'st Piccinni), Berardino; Guidone, Cinque (28'st Gaeta). A disposizione: Endrew, Bagaglini, Dascoli, Malcore. Allenatore: De Patre.
ARZANESE (4-3-3): Sosso; Giacinti, Caso, Palumbo, Mora; Calabrese, Ausiello, Giannusa; Sandomenico (14'st Mangiacasale), Perna (18'st Ripa), Improta. A disposizione: Fiory, Monaco, Ricci, Gori, Figliolia. Allenatore: Marra.
ARBITRO: Vito Mastrodonato della sezione di Molfetta.
NOTE: Ammoniti: Guidone, Gaeta, Caso. Espulso: l'allenatore De Patre al 40'pt. Presenti sugli spalti circa mille spettatori.
Andrea Sacchini