POLITICA

L’Aquila, via libera alla cittadinanza onoraria per Aldrovandi e Cucchi

Il riconoscimento va alla mamma e alla sorella dei due ragazzi morti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2624




L’AQUILA. Il Consiglio comunale de L’Aquila ha approvato ieri la proposta di deliberazione sull'acquisizione della donazione, da parte del gruppo Fiat Auto, di una struttura da adibire ad asilo nido e scuola dell'infanzia, realizzata nell'area del quartiere Case di Bazzano, per un valore complessivo di 3milioni 10mila 800 euro.
Via libera del conferimento della cittadinanza onoraria a Patrizia Aldrovandi, madre di Federico, e a Ilaria Cucchi, sorella di Stefano.
«La Magistratura - recita il testo nella parte relativa alle motivazione - ha riconosciuto che Federico Aldrovandi e Stefano Cucchi sono stati vittime di un'ingiustizia perpetrata da esponenti dello Stato mentre assolvevano alle loro funzioni, e che in entrambi i casi, oltre alla violenza praticata, quello che ha stupito ed offeso la coscienza civile è stata l'opera di depistaggio messa in atto. Patrizia Aldovrandi e Ilaria Cucchi hanno lottato per anni al fine di ottenere giustizia, portando avanti una battaglia di civiltà volta a ripristinare i valori di uno Stato Democratico e di Diritto».
L'assemblea ha quindi approvato i regolamenti per l'erogazione del servizio di illuminazione e per le lampade votive nei cimiteri comunali.

Il Consiglio comunale, alla ripresa pomeridiana dei lavori, ha approvato il regolamento per l'affidamento dei lavori e l'acquisizione di beni e servizi "in economia", finalizzato ad assicurare "la soeditezza, l'economicità, la rispondenza dell'azione amministrativa al pubblico interesse e la continuità dei servizi. I limiti di valore per gli interventi in economia, sulla base del regolamento, sono consentite per limiti di importo pari a 200mila euro per la fornitura di beni e prestazione di servizi, 300mila per lavori attinenti i beni culturali e 40mila per l'affidamento diretto di laori, fornitura di beni e prestazione di servizi. Possono essere eseguiti in economia lavori relativi alla manutenzione o alla riparazione di opere o di impianti quando l'esigenza è rapportata ad eventi imprevedibili, interventi non programmabili in materia di sicurezza, lavori che non possono essere differiti, dopo l'espletamento infruttuoso delle prcedure di gara, o interventi necessari per la compilazione di progetti, come demolizioni, rimozioni di elementi strutturali, scai, sondaggi o indagini ambientali, prove geologiche, indagini archeologiche.
Via libera dell'assemblea, infine, al contratto di servizio, per l'anno 2014, con il Centro turistico del Gran Sasso, per il trasporto pubblico locale attraverso la funivia del Gran Sasso. A questo scopo, sulla base della deliberazione, è previsto lo stanziamento, sul redigendo bilancio di previsione, di 520mila euro a titolo di contributo per i costi di esercizio