POLITICA

Elezioni Pescara, centrodestra non trova l’accordo su Mascia e Testa

Si pensa all'ipotesi delle primarie

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2015

PESCARA. Ancora nulla di fatto nel tavolo della coalizione di centrodestra chiamato a decidere il candidato sindaco alle prossime elezioni al Comune di Pescara.
Se oggi esistesse ancora il Popolo delle Libertà Guerino Testa sarebbe già stato investito della candidatura ma con la creazione di Forza Italia e Nuovo Centro Destra è tutto più complicato. Sia perché i berlusconiani non vogliono perdere un centro come Pescara, sia perché gli alfaniani conoscono bene il peso di un loro uomo al comando in un Comune come adriatico e in un momento come questo dove, anche a livello nazionale, si rischiano emorragie e sfaldamenti.
Ieri si sono nuovamente incontrati i rappresentanti regionali, sempre sotto il coordinamento di Nazario Pagano, da poco alla guida di Forza Italia in Abruzzo, e come gia' emerso nelle riunioni precedenti non sembra esserci consenso da parte di tutti sul nome di Luigi Albore Mascia, sindaco uscente.
Domenica, a Teramo, Angelino Alfano e Gaetano Quagliariello hanno lanciato la candidatura a sindaco di Guerino Testa, il presidente della Provincia di Pescara che si è dimesso venerdì mattina, ma ieri, in occasione del tavolo, sarebbe stata ribadita la volontà del Ncd di puntare all'unità della coalizione.
Già nei giorni scorsi l'Udc aveva fatto sapere di non essere intenzionata ad appoggiare la candidatura di Mascia e anche ieri c’è stata questa riconferma mentre accanto a Mascia restano fedeli sia Fratelli d’Italia che Pescara Futura per i quali il primo cittadino ha lavorato bene e merita la riconferma.
La decisione è stata quindi rinviata ai prossimi giorni, mercoledì o venerdì, anche perchè bisogna definire il metodo per andare avanti, e quindi se tentare o meno la strada delle primarie e lasciare ai cittadini l’ultima parola. A quel punto, però anche Rialzati Abruzzo potrebbe schierare un proprio uomo, si pensa al vice sindaco Berardino Fiorilli e così diventerebbe una partita a tre.