SERIE B

Virtus Lanciano. La classifica parla da sola ma è il solito Baroni: «14 punti dalla salvezza»

Cambia l'anno ma non l'atteggiamento dei frentani: 3 punti d'oro col Brescia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2137





LANCIANO. Il girone di ritorno della Virtus Lanciano è partito come si era chiuso il girone d'andata. Con una vittoria preziosa al cospetto di un avversario di grande blasone e tradizione come il Brescia, che nell'arco dei novanta minuti di gioco ha creato poco o nulla dalle parti di Sepe. Difficile però giudicare complessivamente la prova delle due squadre, con il disastrato campo del Biondi che ha ridotto al lumicino le giocate di qualità dei giocatori più dotati tecnicamente. Con l'impossibilità di giocare palla a terra, anche se la Virtus almeno all'inizio ha provato a costruire qualche trama interessante, era inevitabile che la gara potesse essere decisa soltanto da un episodio. Lo stesso che ha sorriso al Lanciano al 33esimo del secondo tempo con la girata sotto porta di Piccolo sul solito calcio d'angolo perfetto a tagliare di Mammarella. Se da un lato il campo non era dei migliori per favorire lo spettacolo, dall'altro ha messo in risalto le straordinarie qualità caratteriali di una squadra che della tenacia e dell'abnegazione ha fatto i propri principali punti di forza.
Con la classifica sempre più fedele alleata dei frentani, è chiaro che prima o poi l'asticella dell'obbiettivo stagionale andrà innalzata, da salvezza a qualificazione ai play-off. Proprio gli spareggi promozione sarebbero il coronamento di una stagione fin qui al di là di ogni più rosea iniziativa. Non è però d'accordo il tecnico Marco Baroni, che continua a predicare calma ed equilibrio in vista della seconda metà di torneo: «mancano ancora 14 punti alla salvezza. Guardo sempre dietro ed in questo mercato le concorrenti alla permanenza in B si sono molto rinforzate. Noi siamo una piccola realtà, con giocatori giovani ed esperti. Anche in un momento esaltante come questo non dobbiamo perdere di vista la nostra dimensione: la salvezza». 

«Con il Brescia mi è piaciuto il piglio e l'attenzione della mia squadra» – prosegue Baroni – «il campo ha danneggiato loro ma anche noi, che siamo stati costretti a cambiare il nostro modo di giocare. Non abbiamo però mai perso equilibrio e credo che questi 3 punti siano tutti meritati. Sono contento per la vittoria, per la prestazione ed anche per il gol di Piccolo. Si muove sempre molto e bene ed a questo ragazzo mancava veramente soltanto la rete che finalmente è arrivata. Deve restare sereno e continuare a giocare come sta giocando».
Chiusura sui nuovi acquisti della finestra trasferimenti di gennaio: «Comi? Ha fatto una buona gara ed è entrato in campo con grandissima personalità. Lui e Ragatzu hanno tutto il tempo per inserirsi nei nostri schemi di gioco».
La squadra riprenderà oggi gli allenamenti in vista del match di sabato prossimo sul campo della Reggina. Dal mercato invece non dovrebbero arrivare grosse novità prima della fine. Il Ds Leone lavorerà soprattutto in uscita per garantire maggiore minutaggio ad i giovani meno impiegati dell'organico. Per il resto il Lanciano è pressoché completo e competitivo in tutti i reparti dopo gli arrivi in attacco di Comi e Ragatzu.

Andrea Sacchini