SERIE B

Pescara Calcio. Il gigante Sforzini è tornato: «vissuto momenti difficili, ora sono pronto»

Capitolo mercato: arriverà un terzino. Se sfuma Rispoli ecco Ceccarelli

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3047




PESCARA. Fino ad un paio di mesi fa l'acquisto di una punta centrale era diventato una priorità in vista del calciomercato di gennaio. Le prestazioni di Maniero altalenanti dopo un buon inizio di torneo e le condizioni fisiche incerte di Sforzini avevano avvalorato la tesi che il Pescara avesse bisogno al più presto di un attaccante forte fisicamente in grado di raggiungere senza troppe difficoltà la doppia cifra. A partire però dall'exploit di Reggio Calabria la stagione e le priorità in sede di mercato del delfino sono completamente cambiate, con Maniero ormai imprescindibile al centro del reparto offensivo e Sforzini sempre più in recupero dal fastidioso infortunio all'alluce che lo ha tenuto lontano dai campi per parecchi mesi. Il diretto interessato, che da settimane si è allenato col gruppo ed è tornato ad assaporare il campo in partite ufficiali in occasione del match di Coppa Italia perso a La Spezia, si è distinto tra tutti nel ritiro invernale per impegno e volontà: «gli attestati di stima da parte di tifosi e compagni di squadra fanno sempre piacere, ma dopo tutti questi mesi di stop vorrei che a parlare fosse finalmente il campo. Sto bene, ho recuperato e sono completamente a disposizione del mister. È chiaro che mi manca ancora il ritmo partita, ma questo lo si acquista solo giocando con continuità ed io sono pronto».
Sforzini è reduce da infortunio fastidiosissimo all'alluce del piede, che ha rischiato seriamente di porre fine anzitempo alla propria carriera: «ho vissuto momenti molto difficili e posso dire che il 2013 è stato per me l'anno più brutto di sempre. La famiglia mi è stata molto vicina e mi ha permesso di affrontare con serenità tutto l'iter riabilitativo. È stato un infortunio strano perché non erano chiari i tempi di recupero. Bisognava solo aspettare giorno per giorno un miglioramento. Ora finalmente il peggio sembra alle spalle e voglio guardare a questo 2014 che spero sia pieno di soddisfazioni per me».
«Come ho vissuto questo periodo» – prosegue il gigante biancazzurro – «in famiglia e cercando la forza di poter recuperare. Mi hanno dato fastidio però alcune cose che ho letto soprattutto in internet. Ora però è tutto alle spalle». 

Al centro di numerose voci soprattutto per la propria condizione fisica, Sforzini si schiera contro l'attuale finestra del mercato di gennaio: «è dannosa perché può portare a distrazioni. Io personalmente non ho ricevuto offerte, ma in generale il mercato di gennaio non l'ho mai visto di buon occhio».
Dopo un inizio di campionato difficile nel quale risultati e soprattutto prestazioni latitavano, dalla trasferta di Reggio Calabria la squadra è scesa in campo con tutt'altro spirito inanellando ben 10 risultati utili consecutivi prima del ko casalingo con l'Empoli. Sforzini però individua il merito di tutto ciò non nel nuovo modulo 3-4-3 che ha conferito maggiore protezione alla difesa: «la differenza a mio avviso non l'hanno fatta i numeri o i moduli ma l'atteggiamento in campo. È importante essere sempre attenti e concentrati perché in Italia si vince soprattutto grazie ad una difesa di granito. Con organizzazione ed attenzione si va lontano e noi lo abbiamo dimostrato da qualche mese a questa parte».
La squadra intanto prosegue gli allenamenti in vista del match di sabato a Castellammare contro la Juve Stabia. Certo l'impiego a centrocampo di Zauri in luogo dello squalificato Balzano, fermo restando che eventuali nuovi acquisti sugli esterni darebbero il via ad un serrato ballottaggio con l'ex capitano della Lazio.

MERCATO. PER RISPOLI SI ATTENDERÀ ANCORA QUALCHE GIORNO. L'ALTERNATIVA È GIÀ PRONTA: CECCARELLI DEL PADOVA
Nessuna novità di rilievo invece è ancora giunta dal mercato. Quella di ieri è stata l'ennesima giornata interlocutoria, con il Ds Giorgio Repetto che attenderà altre 24-48 ore prima di abbandonare definitivamente la pista Rispoli. Con il Parma e col giocatore già da settimana è stato raggiunto l'accordo per un prestito con eventuale diritto di riscatto. Quello che manca però è la volontà della Ternana almeno per il momento di privarsi del calciatore. In estate il sodalizio umbro ha pagato al Parma circa 200mila euro per il prestito oneroso del terzino ed ora pretende da parte del Pescara un indennizzo più o meno di pari livello. Tra domanda ed offerta ci sono circa 100mila euro di differenza, ma probabilmente il motivo della mancata chiusura della trattativa risiede in altro. Se Rispoli dovesse saltare definitivamente è già pronta l'alternativa: l'ex Cesena Luca Ceccarelli, che il Padova dovrebbe liberare senza particolari opposizioni.

Andrea Sacchini