CALCIO

2°Div/B. La cura De Patre già funziona. Impresa del Chieti che espugna 3-0 Ischia

Doppio Guidone e Berardino: festa teatina. Robertiello para un rigore

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1142





ISCHIA. Da squadra spenta, spuntata ed inconcludente a formazione cinica, a tratti spettacolare e dannatamente concreta. Il Chieti con una prova da grande espugna 3-0 Ischia e saluta con una vittoria preziosissima in ottica salvezza il nuovo corso Tiziano De Patre, subentrato in panchina in settimana al posto dell'esonerato Pino Di Meo. I gol tutti nella ripresa con la doppietta di Guidone tra il quinto ed il 19esimo ed il sigillo finale di Berardino al minuto 25.
Risultato ineccepibile per i valori tecnici espressi in campo, con i neroverdi completamente trasformati rispetto la prova opaca di appena sette giorni fa con la Vigor Lamezia. I tre punti, fondamentali in ottica classifica, rivestono un'importanza capitale anche sul morale con l'autostima del gruppo che potrà trarne solo giovamento.
Difficile trovare giocatori sotto la sufficienza, con l'undici di De Patre che dopo il vantaggio, nonostante l'inferiorità numerica per l'espulsione di Daleno, ha saputo prima amministrare e poi arrotondare il punteggio, al cospetto di un Ischia spento e poco pungente in avanti. Chieti che ha veramente rischiato soltanto al minuto 14 della ripresa quando, in vantaggio di una rete, Robertiello è stato decisivo nel neutralizzare un calcio di rigore di Longo.
Inizio di gara alla camomilla con entrambe le squadre molto attente alla fase di non possesso. Da segnalare in avvio soltanto una conclusione piuttosto velleitaria di Della Penna per il Chieti. 

Al 25esimo attimi di paura quando il difensore dell'Ischia Mattera a palla lontana si accascia al suolo perdendo per qualche attimo i sensi. Dopo circa due minuti di sospensione tutto rientrato per il calciatore dell'Isolaverde che però lascia precauzionalmente il posto a Liccardo.
Al 40esimo Masini da buona posizione al limite conclude troppo debole tra le braccia di Robertiello.
Nella ripresa subito in avvio è tutta un'altra partita. Al terzo rinvio sciagurato di Pane addosso a Cinque che controlla il pallone ma a tu per tu col portiere al momento del dunque viene rimontato da 2 difensori.
Al quinto il vantaggio dei teatini con Guidone, che in progressione supera un avversario e fredda Pane sfruttando al meglio un'intuizione geniale di Rossi.
Reazione immediata dei padroni di casa, vicini al gol due minuti dopo con un colpo di testa alto di Rainone.
Al 14esimo sospetto contatto in area tra Masini e Daleno e calcio di rigore per l'Ischia con annessa espulsione del giocatore neroverde. Robertiello però è strepitoso nel neutralizzare il tentativo di trasformazione di Longo, mantenendo il risultato.
Il pericolo scampato da ulteriori certezze al Chieti che nonostante l'inferiorità numerica al 19esimo perviene al 2-0. Calcio di punizione di Berardino per la testa di Guidone che realizza la propria doppietta.
La gara in sostanza termina qui con l'Ischia che non ha avuto più la forza di reagire. C'è tempo però ancora però per il tris abruzzese di Berardino tutto solo davanti a Pane al minuto 25.
Con questa vittoria il Chieti è salito a quota 25 in classifica, a meno 2 dalla salvezza diretta ed altrettante lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione diretta. Domenica prossima all'Angelini sfida da brividi con l'Aprilia, quindicesima in graduatoria con 22 punti.

TABELLINO
ISCHIA ISOLAVERDE (4-3-3): Pane; Rainone, Mattera (28'pt Liccardo), Cascone, Tito; Alfano (27'st Arcamone), Armeno, Nigro; Cunzi, Masini, Longo (17'st Austoni). A disposizione: Mennella, Mora, Falagario, Cucinotta. Allenatore: Campilongo.
CHIETI (4-4-2): Robertiello; Bagaglini, Terrenzio, Dascoli, Daleno; Berardino, Della Penna (40'st La Selva), Giorgino (17'st Borgese), Rossi; Guidone, Cinque. A disposizione: Gallinetta, Quacquarelli, Guitto, Mangiacasale, De Stefano. Allenatore: De Patre.
ARBITRO: Ranaldi della sezione di Tivoli.
NOTE: Ammoniti Tito, Masini, Daleno, Della Penna, Cinque. Espulso al 13'st Daleno per doppia ammonizione. Longo (Ischia) ha fallito un calcio di rigore al 14'st parato da Robertiello.
Andrea Sacchini