CALCIO

Chieti Calcio. Esonerato Pino Di Meo. In panchina ecco l'ex De Patre: «qui per riconoscenza»

Carico anche il patron Walter Bellia: «era giunto il momento di dare una scossa»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2648






CHIETI. Come ampiamente previsto dopo il movimentato post partita di domenica, ieri il sodalizio teatino ha esonerato il tecnico Pino Di Meo, giunto in Abruzzo in estate. Al suo posto è stato chiamato un ex, Tiziano De Patre, che a tempo di record è già stato presentato a stampa e tifosi.
Un ritorno importante e per certi versi atteso quello di De Patre, che l'anno scorso sulla panchina dei neroverdi ha conquistato i play-off promozione prima di essere eliminato in semifinale da L'Aquila. Fatali all'oramai ex tecnico Di Meo l'ultima striscia di risultati negativi (2 soli punti nelle ultime 4 partite a cavallo del nuovo anno, ndr) e la contestazione nei confronti anche della società nel post gara di domenica con la Vigor Lamezia.
«Ho detto sì al Chieti senza dubbi per riconoscenza nei confronti della società, della città e della tifoseria» – ha raccontato ieri nella conferenza stampa di presentazione Tiziano De Patre – «in questi mesi ho ricevuto offerte importanti anche dalla Prima Divisione ma ho sempre declinato perché non avevo gli stimoli giusti. Qui a Chieti invece ho grande voglia di far bene e sono carico per questa difficilissima sfida». 

Il Chieti al momento in classifica non naviga in acque tranquille e domenica con l'Ischia fuori casa si gioca una buona fetta di salvezza diretta senza passare per i play-out. Sarà fondamentale soprattutto non perdere e mantenere contatto con la nona posizione, cercando di allontanare nel corso delle settimane il più possibile la 13esima piazza che vorrebbe dire retrocessione diretta: «la squadra ha buone qualità individuali e molti degli attuali giocatori hanno già giocato con me e li conosco. Ho visto parecchie partite del Chieti e del girone B di Seconda Divisione e possiamo giocarcela fino alla fine».
«Cosa mi aspetto dal mercato?» – chiude il nuovo allenatore dei teatini – «non ho chiesto nulla alla società, è compito loro fare le dovute valutazioni per eventuali aggiustamenti. Ho grande fiducia in questo gruppo di giocatori, poi è chiaro che se ci sarà da intervenire sul mercato decideremo insieme».
Carico il patron Walter Bellia, che crede nella salvezza diretta del suo Chieti: «ringrazio Di Meo per il lavoro fatto fino ad ora ma la squadra aveva bisogno di una scossa. Quando le cose non vanno si sa che nel calcio il primo a pagare è sempre l'allenatore».
«Sono dispiaciuto per le divergenze con i tifosi a fine gara» – termina il presidente del Chieti – «ma ora chiedo a tutti di stare vicino alla squadra. Chieti merita la Serie C unica».
Andrea Sacchini