1°Div/B

Buio pesto per L'Aquila. In superiorità numerica cede 1-0 al Fattori col Lecce

Match winner Papini che poi si fa espellere. Abruzzesi poco incisivi sotto porta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1543

 

L'AQUILA. Un Lecce estremamente compatto e pratico espugna 1-0 il Fattori di L'Aquila e costringe i rossoblù a rinviare ancora una volta l'appuntamento con i primi 3 punti del 2014. Decisivo un gol di Papini al 14esimo del primo tempo che ha spianato la strada al successo dei pugliesi. L'Aquila, dopo un primo momento di sbandamento, ha reagito senza però essere davvero incisiva dalle parti di Perucchini. Gli abruzzesi, dopo un primo tempo piuttosto deludente, nella ripresa hanno fatto vedere qualcosa di più ma non sono riusciti ad approfittare della superiorità numerica per quasi un'ora di gioco seguente l'espulsione di Papini per doppia ammonizione sul finale del primo tempo.

Avvio di gara equilibrato con una buona occasione per parte. Al nono D'Ambrosio lavora un buon pallone per Miccoli che di prima intenzione non inquadra lo specchio della porta. Due minuti dopo reazione dei padroni di casa con Pomanete, che di testa sugli sviluppi di un piazzato esalta i riflessi di Perucchini.

Al 18esimo ecco il gol che decide la partita. Papini riceve palla e dal limite fulmina Testa per l'1-0 del Lecce.

L'Aquila costruisce un paio di favorevoli occasioni ma al momento del dunque prima il cross di Pià al 25esimo e poi la punizione di Carcione al 31esimo non vengono raccolti da nessuno.

Tra il 41esimo ed il 43esimo sciocco Papini, che prima si fa ammonire per fallo su Carcione e poi si fa espellere per un fallo fotocopia sempre sul centrocampista aquilano. Lecce in 10 uomini e L'Aquila tutta in attacco alla ricerca del pari. Secondo tempo subito a grandi ritmi per gli abruzzesi che sfiorano l'1-1 con Pià al secondo, con l'estremo difensore leccese costretto agli straordinari. È però soltanto un fuoco di paglia con gli ospiti che controllano piuttosto agevolmente la gara. Al 21esimo conclusione senza troppe pretese di De Sousa con pallone facile preda di Perucchini. Quattro minuti dopo Bogliacino per il Lecce conclude fuori di un nulla da posizione centrale su punizione.

Alla mezz'ora De Sousa fa tutto bene dal limite ma sbaglia tutto al momento del tiro in porta. È l'ultimo squillo della formazione rossoblù che nell'ultimo quarto d'ora di gara non costruisce più nulla di apprezzabile. Per effetto di questo capitombolo interno L'Aquila resta a 28 punti in classifica al quinto posto in compagnia del Bevenento, ad una distanza siderale di 10 punti dal primo posto occupato dal Perugia. Domenica prossima il calendario metterà di fronte i due fratelli Pagliari, con il Pisa che questa volta giocherà in casa.

 TABELLINO

 L'AQUILA (4-3-3): Testa; Scrugli, Zaffagnini, Pomante, Dallamano; Gallozzi (16'st Libertazzi, Carcione, Del Pinto; Frediani (16'st Corapi), De Sousa, Pià (27'st Ciciretti). A diposizione: Addario, Ingrosso, Agnello, Triarico. Allenatore: Pagliari.

LECCE (4-2-3-1): Perucchini; D'Ambrosio, Vinetot, Diniz, Lopez; Papini, Amodio; Ferreira Pinto (41'st Melara), Bogliacino (33'st Beretta), Doumbia; Miccoli (1'st Salvi). A disposizione: Petrachi, Sales, Rullo, Zigoni. Allenatore: Lerda.

ARBITRO: Magialardi della sezione di Pistoia. Ammoniti: 7'pt Diniz (LE), 40'pt Papini (LE), 17'st Corapi (AQ), 23'st Del Pinto (AQ), 36'st D'Ambrosio (LE). Espulso: 43'pt Papini (LE).

 

Andrea Sacchini