L'AUDIO

Arresto De Fanis: online l'audio che lo incastra

Diffusa registrazione per gonfiare conti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7633

PESCARA. La registrazione audio che ha portato all'arresto dell'ex assessore alla Cultura della Regione Abruzzo, Luigi De Fanis, per corruzione é online: a diffonderla è stato il sito Repubblica.it.

L'audio è stato registrato dall'imprenditore dello spettacolo Andrea Mascitti. Nella registrazione, della durata di due minuti e 12 secondi, Mascitti presenta a De Fanis il preventivo per il Premio Nascimbene, ma l'assessore chiede di gonfiare i costi: «Queste sono le spese vere? 2300 euro? Allora chiedi quattro... Questo è quello che deve venire a me...».

Secondo l'accusa, De Fanis avrebbe chiesto tangenti per l'organizzazione del concorso internazionale di musiche da film 'Mario Nascimbene Award', e per un evento al Salone del Libro di Torino. Il meccanismo messo in atto sarebbe stato quello di gonfiare le fatture. Ad inchiodare De Fanis e la sua segretaria anche intercettazioni telefoniche ed ambientali.

Così da 22 mila euro si arriva a 30 mila, con l'assessore che invita l'imprenditore a modificare il preventivo secondo le sue indicazioni. «Noi sappiamo - spiega l'assessore a Mascitti - che contando con il tuo è questa cifra qua! ok? Tu però devi chiedere questo in modo che io possa dare 25.. 26». Poi parlando della seconda fase del Premio, di fronte a una richiesta di 2.300 euro da parte dell'imprenditore l'assessore invita Mascitti a gonfiare le spese vere fino a 4 mila euro. Al colloquio è presente e interviene anche la segretaria dell'assessore.

De Fanis nei giorni scorsi si è presentato in Procura per chiarire nuovamente la sua posizione. «Abbiamo chiarito tutto», aveva commentato all’uscita il suo avvocato.

Sulla consegna di una busta a Mascitti al di fuori del palazzo della Regione, l'avvocato ha sostenuto che «la procura ha gia' ben chiaro questo passaggio, nel senso che non c' e' niente di anomalo. Conoscendo bene come sono andate le cose, e' una cosa assolutamente giustificata e giustificabile. La cosa non e' come si capisce dall'intercettazione».

*** TUTTE LE INTERCETTAZIONI ***