SERIE B

Pescara Calcio. Maniero più forte delle convinzioni di Marino: «la panchina va stretta a tutti»

Col Novara è emergenza portieri: out sia Pelizzoli che Belardi?

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1855




PESCARA. Quando la voglia di rivalsa è più forte di limiti tattici o di organizzazione di gioco. Così Antonino Ragusa e Riccardo Maniero sono diventati gli assoluti protagonisti che hanno trascinato il Pescara alla vittoria casalinga che mancava da quasi 3 mesi. Ex col dente avvelenato, soprattutto il centravanti poco impiegato l'anno scorso dal primo minuto dal tecnico degli umbri Toscano, ha consumato la propria vendetta realizzando la rete del 2-1. Gol preziosissimo per il morale, per la classifica ed anche a livello personale perché va ad intaccare, questa volta si spera in via definitiva, tutte quelle convinzioni di Marino che vede in Cutolo un elemento fondamentale nel proprio scacchiere tattico.
La realtà dei fatti però è ben diversa e l'ex centrocampista offensivo del Padova ha più volte dimostrato di essere inadatto a ricoprire il ruolo di esterno nel tridente d'attacco. Fumoso in possesso del pallone, Cutolo fin'ora è risultato essere poco utile ai compagni anche in fase di non possesso della sfera. Che il suo acquisto sia stato un errore lo si capirà soltanto tra qualche mese, fatto sta che al momento logica vorrebbe che il numero 11 biancazzurro scivoli dietro le gerarchie a tutti gli attaccanti presenti in rosa.
Chi guadagna posizioni col migliorare delle prestazioni è sicuramente Maniero, che al di là dei gol è l'unico degli attaccanti a dare peso e centimetri alla manovra pescarese. Dispiace solo averlo visto in campo poco nell'ultimo periodo anche perché l'ex punta della Ternana è sempre stato esempio di impegno e volontà per i compagni.

«La panchina va stretta a tutti» – ammette il bomber Riccardo Maniero – «purtroppo siamo tanti ed il mister fa le scelte. Io do sempre il massimo durante la settimana poi è sempre il mister che sceglie chi secondo lui merita più di giocare. L'importante è fare bene e farsi trovare pronti. Nel mio caso è importante fare gol anche se si parte dalla panchina».
«Voglio pensare però alla squadra ed i 3 punti sono stati fondamentali per morale e classifica» – prosegue Maniero – «non vincevamo all'Adriatico da troppo tempo e questa vittoria con la Ternana è stata importantissima. Siamo cresciuti ma dobbiamo continuare su questa squadra. Ora guardiamo al Novara, serve continuità di risultati».
Intanto per Marino in vista del match di venerdì sera a Novara è emergenza portieri. All'infortunato di lungo corso Pelizzoli, che difficilmente recupererà questa settimana, si è aggiunto Belardi, uscito claudicante in occasione del match vinto domenica con la Ternana. Dall'ecografia di ieri è emerso che Belardi ha subito un ematoma muscolare post contusivo alla coscia destra. Le sue condizioni verranno valutate giorno per giorno. Oggi allenamento al mattino alla Cittadella dello Sport di San Giovanni Teatino.
Andrea Sacchini