1°Div/B. L'Aquila culla sempre il sogno Serie B. Pagliari: «manca ancora troppo»

Domenica il tecnico dei rossoblù contro il proprio passato: c'è il Perugia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

961




L'AQUILA. Il turno di riposo forzato di una settimana non ha interrotto il momento magico de L'Aquila, che domenica scorsa ha ottenuto un limpido ed importante successo interno 2-0 sulla Paganese. Le reti di Frediani e Corapi hanno certificato un dominio netto e mai messo in discussione lungo tutto l'arco della partita. L'undici di Pagliari, davvero l'uomo in più di questa formazione, dunque continua a cullare il sogno Serie B in un campionato anomalo come la Prima Divisione di quest'anno. Al di là delle prime della classe (Frosinone, Pisa e Pontedera, ndr) ed altre formazioni che stentano ancora ad ingranare (Salernitana e Lecce su tutte, ndr), i rossoblù possono ambire certamente ad un posto play-off visto e considerato il valore tecnico della rosa abilmente costruita da Ercole Di Nicola e l'entusiasmo che si respira in città. Il Fattori in questo primo scorcio di campionato si è dimostrato un valore aggiunto per la formazione del capoluogo, che sogna una B che manca da oltre 70 anni.
«Con la Paganese è inutile nascondersi è stata una vittoria importante» – ha raccontato in settimana il tecnico dei rossoblù, Giovanni Pagliari – «abbiamo fatto un grande primo tempo poi siamo un po' calati di ritmo nella ripresa ma penso sia una cosa normale. Si è creato un gruppo splendido nel quale i ragazzi lavorano tutta la settimana con grande impegno e dedizione. È questa la cosa più importante e L'Aquila deve solo ringraziare questo gruppo di giocatori».
Tra tanti elogi qualcosa ancora da migliorare: «c'è sempre. Dobbiamo essere più bravi in fase di impostazione e di disimpegno».
«La Serie B?» - chiude Pagliari – «i cavalli buoni si vedono soltanto alla fine, non a metà del percorso. C'è ancora tanta strada da fare e davanti a noi ci sono partite molto difficili, a partire da Perugia. Per me è una partita particolare. Ho fatto quasi 200 presenze con la maglia dei grifoni ed una parte del mio cuore resterà sempre lì. Ora però penso solo a L'Aquila ed a riportare in Abruzzo un altro fondamentale risultato per la nostra classifica».
Perugia-L'Aquila verrà diretta da Ivano Pezzuto della sezione di Lecce. Guardalinee Prenna e Mostafa. Calcio d'inizio domenica alle ore 14,30 allo stadio Renato Curi di Perugia.
Andrea Sacchini