Virtus Lanciano. Una sconfitta non mina il sogno Serie A. Di Cecco: «sognare non costa nulla»

Il jolly frentano chiede ai compagni di non interrompere il sogno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1301




LANCIANO. La sconfitta di venerdì a Modena non ha minimamente intaccato morale e convinzione nei propri mezzi per una squadra, la Virtus Lanciano, che è ancora prima in Serie B dopo 12 giornate. I frentani sabato ospiteranno al Biondi il Siena per una gara il cui pronostico, fino ad un paio di mesi fa, sembrava scontato a favore dei toscani. Ora invece saranno proprio i frentani a partire con il favore dei pronostici, fermo restando che il Siena a livello qualitativo possiede una delle rose meglio attrezzate per il salto di categoria.
Ieri per i ragazzi di Marco Baroni consueto allenamento al Memmo con partitella finale. Tutti a disposizione del tecnico che per Siena avrà soltanto l'imbarazzo della scelta.
«Abbiamo perso soltanto una partita da inizio anno quindi il morale è sempre alto» – ha raccontato in conferenza stampa Domenico Di Cecco, uno dei senatori della squadra rossonera – «siamo sempre primi in classifica quindi una sconfitta dispiace ma certo non annulla lo splendido lavoro fatto fin'ora dal Lanciano. Abbiamo perso per un episodio arbitrale ma gli errori degli arbitri ci stanno e devono essere accettati».
«L'episodio di Modena anzi» – continua Di Cecco parlando del gol vittoria dei canarini di Babacar viziato da una netta posizione di fuorigioco di partenza ed un tocco di mani – «ci rende orgogliosi per come abbiamo reagito, senza protestare o scatenare polemiche. Soltanto lavorando e non chiacchierando possiamo fare punti».
Al contrario della Virtus Lanciano, il Siena si è invece lamentato molto degli arbitraggi: «è una strada contraria alla nostra ma ognuno reagisce come meglio crede. Con gli allenamenti di squadra certo non si aumenta l'attenzione o la bravura degli arbitri, però noi possiamo giocare meglio dell'avversario creando più occasioni da gol, proprio come abbiamo fatto nelle prime undici giornate di campionato. Non pensiamo a fare le vittime ma piuttosto ad essere più bravi degli altri anche perché fin'ora abbiamo fatto un gran campionato senza episodi arbitrali favorevoli».
La Virtus è sempre prima in classifica nonostante il ko di Modena: «La classifica è chiara ma non dobbiamo mai dimenticare qual'è il nostro reale obbiettivo. Siamo partiti con il target di conquistare la salvezza e per adesso quello è il nostro traguardo. Tutto quello che viene di più lo prendiamo. Ad ogni modo non è un caso se siamo primi in campionato. Non si possono però fare drammi in caso di una o due sconfitte. Sognare non costa nulla quindi cercheremo di rimanere lì in alto il più possibile».
«Pensiamo gara per partita e quindi occhio al Siena» – chiude Di Cecco – «loro sono una squadra molto forte piena di nomi di categoria anche superiore. Dobbiamo correre più di loro perché giocando sotto ritmo darebbe un vantaggio importante al Siena, che tecnicamente è superiore a noi».
Domani doppia seduta di allenamento.

Andrea Sacchini