SERIE B

Virtus Lanciano. La capolista vola, ma Baroni non ci sta: «i numeri sono dalla nostra parte»

Il mister dei frentani contro chi sostiene che la squadra pensa solo alla fase difensiva

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1976





LANCIANO. La Virtus Lanciano prosegue gli allenamenti in vista del match di venerdì alle ore 18,00 in casa del Modena. Baroni a meno di problemi negli ultimi 2 giorni avrà soltanto l'imbarazzo della scelta con tutta la rosa a disposizione ed in condizioni psico-fisiche eccellenti. Nella doppia seduta di ieri Marceta e Paghera hanno svolto lavoro differenziato ma soprattutto il secondo non dovrebbe essere in dubbio per venerdì.
Intanto a livello di numeri parziali la Virtus Lanciano è già entrata nella storia della Serie B dopo il successo di sabato scorso col Padova. I frentani infatti, dopo aver superato il Torino della stagione 2011/2012 fermatosi ad otto successi e 2 pareggi prima della sconfitta all'undicesima giornata a Gubbio, hanno messo nel mirino la Juventus che nel 2006/2007 rimase imbattuta fino alla 19esima giornata, quando i bianconeri di Dechamps furono battuti 1-0 dal Mantova.
Il Lanciano non guarda certamente ai record ma i risultati esaltanti di questo inizio di stagione la dicono lunga sulla bontà del lavoro svolto fin'ora da Baroni e dai suoi collaboratori, senza dimenticare la straordinaria abilità sul mercato del Ds Luca Leone, capace di portare o di confermare in Abruzzo elementi di grande valore quali Piccolo, Thiam, Falcinelli, Amenta, Minotti, Sepe e Casarini.
«Ultimamente diamo per scontate troppe cose» – ha raccontato il tecnico Marco Baroni nella consueta conferenza stampa di inizio settimana non senza un pizzico di polemica – «sento dire che il Lanciano con il Padova ha giocato di rimessa difendendosi soltanto mentre il Padova ha avuto in mano il pallino del gioco. Io guardo ai numeri e questi sono sempre chiari ed inequivocabili: la Virtus ha avuto il maggior numero di passaggi completati utili rispetto agli avversari, maggior supremazia territoriale e di occasioni da gol create. Questo non soltanto col Padova ma anche nelle precedenti partite».
«Questo gruppo sta facendo qualcosa di straordinario» – chiude Baroni – «e non so per quanto tempo riuscirà ad andare avanti a questi ritmi, ma voglio che sia dato atto ai ragazzi di questo eccezionale lavoro. Voglio solo precisare alcune cose. Le mie non sono affatto osservazioni polemiche. Lavoriamo con umiltà e con impegno. Non so quanto questa squadra possa reggere a questi ritmi. Non è facile giocare sempre con questa intensità».
Andrea Sacchini