SERIE B

Pescara Calcio. Squadra in ritiro e Sebastiani furioso: «colpe tutte della squadra. Marino resta»

Inizio di stagione shock. Società, tecnico, giocatori: nessuno è senza colpe

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4255


PESCARA. Dopo una prestazione per lunghi tratti della gara imbarazzante col Latina, ed un inizio di stagione ben al di sotto delle più negative aspettative, Marino ha incassato l'ennesima, nuova fiducia incondizionata da parte della dirigenza del Delfino. A fine gara il patron Daniele Sebastiani, che insieme al gruppo di dirigenti ha sicuramente parte delle responsabilità del disastro tecnico e sportivo, ha annunciato il ritiro in loco fino a giovedì della squadra ed ha tuonato soprattutto contro i giocatori, rei di essere i primi colpevoli dell'attuale situazione: «partiremo subito in ritiro fino a giovedì, giorno di partenza in vista della partita a Reggio Calabria di venerdì sera. I ragazzi staranno insieme questi giorni per ritrovarsi. Con il Latina ho visto la gara peggiore di quest'anno. Con i grandi nomi non si va da nessuna parte, servono prima di tutto uomini che sappiano lottare su ogni pallone. Non ho mai detto che questa squadra doveva ammazzare il campionato, ma giocando in questo modo non riusciremmo a vincere neanche contro una squadra di terza categoria».

«Per noi dirigenti non è il tecnico il primo responsabile di questa situazione» – prosegue Sebastiani parlando di Pasquale Marino e della possibilità di un esonero già in settimana – «il mister non rischia assolutamente nulla né ora né se dovesse andare male anche la partita di Reggio Calabria. Non sarà una partita decisiva ma sicuramente sarà importantissima. Marino è il nostro tecnico e spetterà a lui trovare le situazioni affinché partite come quella col Latina non si ripetano più».
Solo cinque volte nella storia il Pescara a questo punto della stagione ha avuto meno punti in classifica. Tranne che nel 1993/1994, 15esimo posto finale, i biancazzurri sono sempre poi retrocessi in Serie C. Tra errori tecnici ed individuali è chiaro che le responsabilità non possono soltanto essere addebitate a tecnico e calciatori, scelti prima di tutto dall'attuale società.
Con il ritiro in loco Sebastiani e soci sperano di poter dare quella scossa utile a far ripartire la stagione del Pescara.
Alla ripresa degli allenamenti dovranno essere valutate le condizioni di Mascara, uscito anzitempo sabato per un problema muscolare. Da monitorare anche Pelizzoli, Capuano e Nielsen. Zero possibilità invece di avere a disposizione Sforzini in tempi brevissimi.

Andrea Sacchini