1°Div/B. Amarezza L'Aquila. Al 96esimo viene raggiunta sul 2-2 dal Barletta

Sciocchezza Di Maio: espulsione per fallo a palla lontana

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1295

BARLETTA. È un pareggio amaro quello ottenuto al sesto minuto di recupero dal Barletta ai danni de L'Aquila, costretta a giocare in inferiorità numerica per parte del secondo tempo per un fallo sciocco di Di Maio a palla lontana. Vantaggio immediato al primo per gli ospiti con Carcione. Nella ripresa al quarto d'ora il pareggio di Allegretti, al 42esimo il nuovo sorpasso degli abruzzesi con Del Pinto ed al 51esimo la doccia fredda col gol di Picci.
A fine gara delusione per i rossoblù e per il tecnico Giovanni Pagliari, che con grinta, cuore e determinazione avevano saputo resistere agli attacchi di un Barletta motivato ed in superiorità numerica. Fatale per L'Aquila la disattenzione difensiva in occasione del 2-2.
In classifica c'è grande bagarre, con gli aquilani che hanno comunque conquistato un punto preziosi che consente il primo posto in compagnia di Pontedera, Frosinone e Pisa.
L'inizio di gara è subito favoloso per gli abruzzesi, che trovano la via della rete già dopo neanche 60 secondi di gioco. Direttamente su calcio di punizione dal limite Carcione insacca con una parabola delle sue.
Reazione del Barletta al 13esimo con una conclusione dal limite di Cicerelli con pallone facile preda di Testa.
All mezz'ora la più importante chance per il pareggio dei pugliesi nei primi 45 minuti. Cross di Cane e respinta approssimativa di Scrugli sui piedi di Pippa che da due passi calcia a lato.
Al 34esimo L'Aquila vicina al 2-0 con un colpo di testa in mischia di Di Maio sugli sviluppi di un corner: palla deviata quasi sulla linea da un difensore del Barletta.
Un minuto dopo è clamorosa la palla gol per Ferrante, che a tu per tu con Liverani non riesce a superare l'estremo difensore biancorosso.
Prima del riposo D'Errico da posizione decentrata conclude sull'esterno della rete.
Nella ripresa parte bene L'Aquila che in fase di non possesso della sfera copre ogni varco alle ripartenze del Barletta. Al 14esimo ecco l'episodio imprevisto che cambia l'inerzia e la storia del match. Per fallo a palla lontana, cartellino rosso per l'aquilano Di Maio. Sciocchezza del difensore ed ospiti in dieci per la restante mezz'ora di gioco più recupero.
Come se non bastasse, un minuto dopo ecco il pareggio del Barletta a complicare ulteriormente le cose. Direttamente su punizione traiettoria magica di Allegretti che si insacca alle spalle dell'incolpevole Testa.
L'Aquila in difficoltà che non rinuncia comunque ad attaccare con De Sousa, che pochi minuti dopo non inquadra davvero di poco lo specchio della porta. Al 27esimo pericoloso ancora Allegretti su punizione ma questa volta è Testa a vincere il duello.
Al 35esimo miracolo di Testa su conclusione ravvicinata di Picci.
Al 42esimo ecco il nuovo vantaggio de L'Aquila. Punizione di Carcione per Del Pinto, che favorito dal goffo intervento di Camilleri colpisce la traversa prima che la palla sul rimbalzo varchi completamente la linea della porta.
Il Barletta sembra non essere in grado di reagire ma al sesto di recupero ecco quello che non ti aspetti: lancio lungo dalle retrovie per Picci e gran gol per il 2-2 finale approfittando di un'approssimativa marcatura della retroguardia abruzzese.
Domenica turno di riposo per L'Aquila che tornerà in campo allo stadio Fattori il 3 novembre contro la Paganese.

TABELLINO
BARLETTA (3-4-3): Liverani; Maccarone (6'st Zigon), Camilleri, Di Bella; Cane (23'st Romeo), Legras (35'st Ilari), Allegretti, Pippa; D'Errico, Cicerelli, Picci. A disposizione: Valcareggi, Cascione, Mantovani, Prutsch. Allenatore: Orlandi.
L'AQUILA (4-3-3): Testa; Scrugli, Pomante, Di Maio, Dallamano; Corapi, Del Pinto, Carcione; Ferrante (18'st Gallozzi), De Sousa (28'st Infantino), Frediani (20'st Ciotola). A disposizione: Addario, Ligorio, Ciciretti, Bentoglio. Allenatore: Pagliari.
ARBITRO: Marini della sezione di Roma 1.

Andrea Sacchini