SERIE B

Pescara Calcio. Marino e Sebastiani felici del punto: «utile soprattutto al morale»

Il tecnico però deve lavorare ancora molto sull'equilibrio difensivo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2811




PESCARA. Dopo il pareggio conquistato quasi allo scadere nel posticipo col Cesena, in casa Pescara si cerca di guardare il bicchiere mezzo pieno.
Se non altro il punto serve soprattutto al morale ed a rasserenare in parte un ambiente depresso dalle ultime deludenti prestazioni in campionato. Chiaro però che sabato all'Adriatico con lo Spezia dell'ex Stroppa siano d'obbligo i tre punti, anche perché la classifica piange e non lascia dormire sonni tranquilli a Pasquale Marino. Lo stesso tecnico biancazzurro, premiato a Cesena per aver avuto il coraggio anche se tardivo di gettare nella mischia i giovani Padovan e Politano che hanno poi risolto la partita, non può essere esente da critiche per alcune scelte discutibili di formazione ed un equilibrio di squadra ancora ben lontano dall'essere trovato.
«Il punto è importante soprattutto a livello psicologico» – ha raccontato il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani – «siamo rimasti in inferiorità numerica su un nostro ennesimo errore in fase difensiva e questo risultato guadagnato in questo modo alla fine serve soprattutto per il morale. Sono contento anche perché in panchina ho avuto la conferma che ci sono ragazzi giovani pronti a dare il proprio contributo». 

«Il mister ha tutti i giocatori sotto controllo in settimana e sa chi può dare qualcosa in più» – chiude il patron adriatico – «però l'importante è avere la consapevolezza di poter contare su elementi giovani dal sicuro avvenire. Ora diamo continuità di risultati sabato con lo Spezia».
Dello stesso tenore il tecnico del Pescara, Pasquale Marino, che a fine gara ha espresso tutta la propria soddisfazione per questo punto strappato al Cesena ad una manciata di minuti dalla fine: «conquistare un punto a Cesena contro una squadra forte ed in forma è una grande cosa per noi. Fino all'espulsione c'è stato molto equilibrio poi abbiamo subito il gol su calcio piazzato. Dopo il gol abbiamo reagito con 3 attaccanti più Ragusa e siamo stati premiati. Abbiamo poi gestito il pari con molta personalità e questo mi fa molto piacere».
«Ogni partita però abbiamo qualche problema» – prosegue Marino – «e gli infortuni non ci danno tregua. Senza considerare che alcuni giocatori reduci da piccoli o grandi guai fisici non sono ancora al top della condizione atletica. Sono contento soprattutto per Padovan che ultimamente ha avuto qualche infortunio. Per quei pochi minuti che ha fatto ha giocato una grande partita e ci potrà essere utile nel proseguo della stagione».
Sabato all'Adriatico arriva lo Spezia: «questo punto deve darci la spinta per affrontare lo Spezia al massimo delle nostre potenzialità fisiche e psicologiche. Speriamo di essere al top il prima possibile».
Andrea Sacchini