CONSUMATORI

Abruzzo, telefonia: da conciliazioni Corecom risparmi per 1,7 milioni di euro

3.500 utenti si sono rivolti allo sportello regionale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4118

ABRUZZO. Oltre 3.500 tra famiglie e aziende abruzzesi, negli ultimi 18 mesi - da gennaio 2012 a giugno 2013 - si sono rivolte al Corecom con un problema legato alla telefonia mobile o fissa e sono uscite con la soluzione.
Indennizzi e bollette annullate per 1 milione 700 mila euro grazie all'istituto della conciliazione gratuita. Lo ha detto il presidente del Corecom Filippo Lucci in occasione dell'inaugurazione della sede del comitato a Teramo. Le richieste piu' rilevanti riguardano i problemi sulla migrazione (cioe' il passaggio ad un gestore ritenuto piu' conveniente), la contestazione di importi non dovuti in fattura, il superamento della soglia dei costi per il roaming internazionale legato soprattutto ai periodi di vacanza all'estero, i distacchi di linea ingiustificati e l'attivazione di servizi mai richiesti o problematiche legate alla linea Adsl.
C'e' chi si ritrova cliente di una compagnia telefonica senza aver mai firmato il contratto e chi scopre collegamenti web di cui non sa nulla. Alcuni cittadini hanno dovuto affrontare un'odissea nel passaggio da un operatore all'altro (e magari aspettare mesi e mesi per poter fare una telefonata), altri si sono accorti che sulla propria linea erano stati attivati servizi mai richiesti. 

«Al 15 settembre erano arrivate sul tavolo del Corecom - spiega il Lucci - 3656 istanze con una crescita, rispetto al 2011, del trenta per cento. Abbiamo registrato oltre 15 mila contatti tra telefonate, mail e posta ordinaria. Indicatori che chiariscono due cose: che il Corecom e' sempre piu' conosciuto ed efficiente e che la litigiosita' tra utente e gestore telefonico aumenta. I Corecom oggi in Italia sono diventati un vero punto di riferimento su questo tema ed in particolare il nostro Comitato e' ritenuto tra i migliori sia come tempistica che come qualita' del servizio. A testimonianza di cio' la visita di una delegazione del Governo Thailandese che e' venuta appositamente in Abruzzo per studiare le nostre tecniche. Oggi - conclude Lucci - inauguriamo la nuova sede a Teramo che facilitera' l'espletamento dei tentativi di conciliazione agli utenti di tutta la provincia, spesso scoraggiati dal viaggio per venire nella nostra sede principale di L'Aquila, tanto da arrivare, a volte, ad abbandonare l'istanza. Una sede, tengo a precisare, a costo zero per i cittadini e che arriva dopo il successo di quella di Pescara»

Presente all'incontro anche il presidente dell'associazione dei consumatori "Robin Hood", Pasquale Di Ferdinando. «L'utilizzo di tecnologie multimediali - ha spiegato - non solo riduce i costi, ma non inficia, come abbiamo avuto modo di verificare, l'efficienza delle conciliazioni, sarebbe auspicabile che anche altri Enti si adeguassero a questo modello».
Il presidente Lucci, che ha ringraziato anche l'intera squadra dei dirigenti e collaboratori presenti all'incontro, ha precisato che il servizio partira' da ottobre: anche gli utenti che hanno gia' fissato appuntamenti a L'Aquila o Pescara saranno ricontattati per avere modo di scegliere la sede piu' vicina dove svolgere le conciliazioni.