SERIE B

Delfino Pescara. Il carattere di Nielsen per il riscatto: «serve una squadra con più testa e cuore»

Intanto altre cattive notizie sugli infortunati. Out anche Mascara e Viviani?

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2049




PESCARA. «Siamo consapevoli della brutta sconfitta di Varese. Abbiamo giocato senza testa e senza cuore».
Parole poche in un italiano stentato ma concetti chiari da parte di Matti Lund Nielsen. Come chiara è la voglia di riscatto da parte di un Pescara troppe volte in questo inizio di stagione vittima di se stesso e di un equilibrio tra attacco e difesa che sembra ancora lontano dall'essere raggiunto.
«Serve più cuore quando si scende in campo altrimenti le prestazioni sono simili a quella col Varese» – ha raccontato in mattinata il biondo centrocampista biancazzurro – «è una questione di atteggiamento più che di tecnica o tattica. Bisogna lottare e correre più degli altri, cosa che non abbiamo fatto nell'ultima partita di campionato. Bisogna prima pensare a lottare, poi si penserà alla qualità del gioco».
All'orizzonte il doppio confronto consecutivo interno all'Adriatico contro Bari prima ed Avellino poi. Due partite che potranno dire molto sull'attuale condizione psico-fisica di questo Pescara: «sono due buone squadre ma noi dovremo scendere in campo sicuri dei nostri mezzi e con grande voglia di rivincita. Vogliamo cancellare alcuni brutti errori. Poco filtro a centrocampo? Mi sento protetto dai miei compagni ma è chiaro che quando si subiscono gli attacchi degli avversari è tutta la squadra che deve difendere: attaccanti, centrocampisti e difensori». 


«Dobbiamo crescere ed imparare dai nostri errori» – chiude Nielsen – «anche se non voglio parlare di tattica c'è sicuramente da migliorare qualcosa sia in attacco sia in difesa. Ora però pensiamo al Bari. Voglio vedere una squadra con più cuore anche perché le qualità per far bene in questo campionato ci sono tutte».
Altre cattive notizie però giungono dall'infermeria per il tecnico Pasquale Marino. Hanno accusato problemi Federico Viviani per un colpo alla solita caviglia e Giuseppe Mascara, uscito anzitempo nell'allenamento di stamattina a Francavilla al Mare per un affaticamento muscolare. Entrambi verranno valutati domani. C'è ottimismo per il recupero almeno del centrocampista visto l'estrema situazione di emergenza a centrocampo con i soli Nielsen, Ragusa, Kabashi e Fornito a disposizione, con Marino che sulla linea dei mediani ha provato il difensore centrale Zuparic. 

Andrea Sacchini