SERIE B

Delfino Pescara. Ragusa punta il Varese e non pensa al passato: «nessun rancore con Stroppa»

L'esterno biancazzurro sul nuovo ruolo: «l'importante è dare una mano»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2401

PESCARA. Insieme a Maniero è una delle sorprese biancazzurre di questo inizio di campionato. Antonino Ragusa, bocciato l'anno scorso in Serie A da mister Stroppa, dopo un anno di esperienza in prestito alla Ternana ha fatto ritorno alla base guadagnandosi il rispetto e la stima del nuovo tecnico Pasquale Marino, che gli ha affidato le chiavi dell'attacco prima e del centrocampo poi dopo le cessioni di Bjarnason e Cascione. Nessuna rivincita o rancore però per l'ex esterno tra le tante di Salernitana e Reggina: «non ho nessun rancore, quello che è stato è stato. Lui ha fatto la sua scelta ed io la mia di giocarmi le mie carte a Terni. Non rimpiango nulla perché è stata una parentesi importante del mio percorso professionale. Ho trovato anche dei benefici dalla cessione dell'anno scorso. Ora l'importante è fare bene con la squadra».
«Dobbiamo migliorare ancora tanto» – prosegue Ragusa – «soprattutto bisogna essere più concreti sotto porta. Io per primo ho avuto diverse chance che non ho concretizzato. Cerchiamo continuità di risultati e con mister Marino va tutto bene. Lavoriamo molto e scherziamo quando si può. Affrontiamo gli allenamenti con molta serenità e concentrazione». 


Durante il ritiro il tecnico Marino ha impiegato Ragusa soprattutto nella linea dei tre d'attacco. Dopo la partenza di Bjarnason per necessità il numero 27 adriatico è stato dirottato nel ruolo di mezz'ala: «per me non fa molta differenza. Ho giocato parecchio in entrambi i ruoli. Il mio ruolo naturale però è l'esterno d'attacco ma senza problemi ricopro qualsiasi posto scelto per me dal mister. A Terni ho giocato diverse partite da mezz'ala quindi per me non è un problema farlo anche qui a Pescara».
All'orizzonte il match di Varese, primo vero scontro play-off quest'anno: «è un campo ostico da sempre ed il Pescara dovrà andare lì cercando di fare la partita e metterli in difficoltà. Non sarà facile perché hanno grande entusiasmo. Noi non dobbiamo farci prendere dall'ansia. Serve stare sereni».
«Il Varese è una delle pretendenti all'alta classifica» – chiude Ragusa – «e faremo il possibile per mettere in massima difficoltà i nostri avversari. Certamente la gara col Varese rappresenta il primo scontro diretto per l'alta classifica».
I biancazzurri questa mattina si sono allenati alla Cittadella dello Sport di San Giovanni Teatino. Domani allenamento di rifinitura al mattino sempre a Sambuceto poi conferenza stampa di Marino e partenza nel primo pomeriggio per Varese. 


Andrea Sacchini