LA RISPOSTA

Ricostruzione L’Aquila, Trigilia: «servono 10 miliardi, abbiamo solo 630 mln»

Interrogazione del deputato di Sel Gianni Melilla

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8097




L’AQUILA. Per la ricostruzione dell'Aquila e dei comuni del cratere occorrono 10 miliardi di euro.
«Tuttavia - ha detto oggi il ministro per la Coesione territoriale, Carlo Trigilia, rispondendo ad una interrogazione di Sel del deputato Gianni Melilla al question time alla Camera, le risorse disponibili attualmente per la ricostruzione sono pari solo a 630 milioni di euro fino al 2015. Esiste quindi un problema di integrazione delle risorse che il Governo e' impegnato ad affrontare a partire dalla prossima legge di stabilita'».
Melilla ha evidenziato come a piu' quattro anni dal sisma (6 aprile 2009) «il centro storico dell'Aquila e' ancora disabitato, le case sono chiuse e i palazzi puntellati. La ricostruzione e' in grave ritardo». Nell'audizione svolta alla Camera - presente il ministro - «si e' stimato - ha detto Melilla - in 10 anni il tempo della ricostruzione», soldi da spalmare un miliardo l'anno, come chiesto principalmente dal sindaco Cialente. Trigilia ha fatto sapere che «con riferimento allo stato di attuazione del processo di ricostruzione mi segnalano il rientro a casa di circa il 70% degli sfollati e il solo comune dell'Aquila ha inoltre gia' erogato circa 23 mila contributi alla ricostruzione privata per la maggior parte concentrata nella periferia della citta'. Bisogna tuttavia riconoscere, e io stesso ho potuto constatarlo recandomi qualche settima fa a L'Aquila, che il problema della ricostruzione del centro storico, cosi' come dei centri storici del cratere, resta in gran parte da affrontare. C'e' un ritardo da questo punto di vista - ha proseguito Trigilia - che il Governo e' impegnato a colmare. In particolare sono stati istituiti due uffici speciali per la ricostruzione che adesso stanno lavorando e sono quasi arrivati a regime».


Il ministro ha anche fornito altri dati: con il decreto n. 30 del 2009 sono stati stanziati 10 miliardi e 500 milioni e un altro miliardo e 183 milioni per l'edilizia privata, fondi, questi ultimi, stanziati con il recente decreto legge n. 43 del 2013.
«Di questi 10 miliardi e 500 milioni - ha spiegato Trigilia - segnalo che poco meno di 3 miliardi sono stati anticipati per la prima emergenza e sono stati gestiti dalla Protezione civile, 7 miliardi e 600 milioni sono stati destinati alla ricostruzione e allo stato sono stati quasi integralmente assegnati. Le rimanenti risorse pari a 100 milioni di euro sono state finalizzate per interventi di sostegno alle attivita' produttive e di sviluppo». Melilla - gli altri firmatari sono gli onorevoli Zan, Pellegrino, Zanatti - nella sua replica ha auspicato che nella legge di stabilita' «ci siano le risorse necessarie».
«Anche l'ex ministro Fabrizio Barca - ha ricordato - disse che occorrevano 10 miliardi in un tempo di dieci anni. Ed e' cio' che noi chiediamo: certezza dei finanziamenti, un miliardo di euro ogni anno. Il Governo - ha infine commentato Melilla - deve essere consapevole che L'Aquila e' una grande questione nazionale. Per lo Stato il capoluogo della Regione Abruzzo deve essere tra le priorita' dell'agenda di Governo ed e' in questo senso che noi come Sel siamo impegnati»