CALCIO

Virtus Lanciano. L'addio di Gautieri: «decisione sofferta ma inevitabile»

Piace Luigi Di Biagio. No a Torrente e Toscano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4236




LANCIANO. Mancava solo il crisma dell'ufficialità, giunto nel primissimo pomeriggio di ieri. Carmine Gautieri non è più l'allenatore della Virtus Lanciano. A malincuore la società ha accettato la richiesta del tecnico campano di rescindere l'attuale accordo che lo legava al club fino a giugno 2014. Gautieri lascia i colori rossoneri dopo aver portato prima il Lanciano in Serie B e poi conquistato una salvezza storica al termine di un campionato esaltante con molte luci e poche ombre. Ovviamente amareggiata la proprietà Maio ed il Ds Luca Leone, che pur davanti al quasi certo addio dell'oramai ex allenatore hanno sperato fino all'ultimo su di un passo indietro di Gautieri. Dietrofront però impossibile di fronte il concreto interessamento del Chievo Verona, a caccia di un nuovo tecnico dopo l'addio ufficiale nei giorni scorsi di Eugenio Corini. Come dichiarato nei giorni scorsi da Leone, il club frentano non ha opposto nessuna resistenza alla richiesta di Gautieri, che resta in pole position per la panchina dei clivensi. Anche il Lecce, che sta giocando i play-off di Prima Divisione, ha fatto ben più di un pensierino sull'ex calciatore di Piacenza, Roma e Pescara.
«È stata una decisione sofferta ma inevitabile» – ha raccontato Carmine Gautieri – «non ho ancora ricevuto offerte concrete ma ho solo avuto qualche contatto. Con la Virtus ci siamo lasciati in ottimi rapporti ed a breve troveremo un accordo per la risoluzione del contratto».


Per la Virtus dunque si è aperta ufficialmente la caccia al nuovo allenatore. Sfumati per varie ragioni Bucchi e Stroppa e considerati non in linea col progetto tecnico Toscano e Torrente, nelle ultime ore è spuntato il nome di Luigi Di Biagio. L'attuale selezionatore della Nazionale Under 20, in predicato di sostituire Devis Mangia sulla panchina dell'Under 21 dopo l'Europeo in Israele, vedrebbe di buon occhio una panchina in Serie B ed il Lanciano da questo punto di vista potrebbe essere la piazza ideale. Non c'è stato però fin'ora alcun contatto, con il club che attenderà qualche giorno prima di avviare l'affondo decisivo con i papabili successori di Gautieri.
Una volta scelto il nome del nuovo tecnico, il Ds Leone potrà convogliare tutte le proprie attenzioni sull'allestimento dell'organico che cercherà la permanenza in Serie B per il terzo campionato consecutivo. 


Andrea Sacchini